Covid e Brexit, studenti in fuga da Londra

Brexit series for FT.

Le restrizioni all’ingresso per gli europei fanno dimezzare in un anno le iscrizioni a Oxford e Cambridge.

Goodbye Inghilterra! Gli studenti europei disertano quella che era la loro principale meta all’estero: il numero totale degli iscritti alle università inglesi provenienti dai Paesi della Ue è sceso da 27.750 lo scorso anno a 11.700 per l’anno accademico 2021-2022 che inizia tra pochi giorni.

Se la pandemia da Covid ha in parte contribuito a diminuire il numero dei giovani che scelgono di studiare all’estero, gli esperti non sembrano avere dubbi che è stato l’effetto dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ad allontanare gli studenti del continente da quelle che sono considerate le seconde università migliori del mondo dopo i college degli Stati Uniti.

Il costo maggiore, naturalmente, è la tuition, ovvero la tassa di iscrizione: mentre finora gli studenti della Ue pagavano la stessa somma di quelli inglesi, cioè 9250 sterline l’anno, da questo momento gli europei pagano come tutti gli altri extra-comunitari, ovvero più del doppio e in certi casi circa il triplo, intorno a 27 mila sterline l’anno, pari a oltre 30 mila euro: 100 mila euro per una laurea triennale.

La fine dell’Erasmus ha creato barriere pure per gli studenti inglesi: anche il loro numero nei Paesi della Ue è in netto calo. Con la Brexit, ci hanno perso gli uni e gli altri. 

Total
29
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Insicuri ma motivati: l’identikit dei ragazzi della Next Generation

Next Article

"Fisioterapia e Long COVID" gli eventi in vista della Giornata Mondiale della Fisioterapia

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale