Firenze: insetti nell’insalata servita alla mensa di una scuola

Firenze sono stati trovati degli insetti nell’insalata servita alla mensa di una scuola primaria. I NAS stanno ora indagando, ma dai primi riscontri fatti pare che al momento non si siano evidenziate carenze igienico-sanitarie, sia per quanto riguarda l’istituto scolastico, sia per quanto concerne il centro cottura.
Nella mensa di una scuola primaria comunale di Firenze sono stati trovati un ragno e un piccolo baco in un piatto di insalata servito ai bambini. A denunciare l’accaduto sono stati alcuni genitori: la denuncia ha messo in moto i previsti controlli dei carabinieri del NAS di Firenze, i quali, fra l’altro, stavano già mettendo in pratica i controlli di routine nelle mense scolastiche di zona.
carabinieri dei NAS hanno così controllato e ispezionato i locali della scuola dove le pietanze vengono sporzionate e dove vengono anche serviti i piatti ai bambini. Inoltre hanno esaminato il centro cottura di cui la scuola si avvale. Ma in tutti e due i casi non sono state trovate carenze igienico-sanitarie. E’ possibile, quindi, che quegli insetti nell’insalata ci siano finiti accidentalmente in un secondo momento. Ma saranno solamente le indagini finali a svelare cosa sia effettivamente successo e da dove possano essere arrivati questi insetti.
dissapore.com

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Via libera al decreto scuola: i nuovi prof dovranno studiare coding

Next Article

Costo standard: un diritto dell’allievo, non un favore alla scuola paritaria

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno