Finmeccanica assume 1500 giovani under 30

finmeccanica assume 1500 giovani

Finmeccanica assume 1500 giovani Assunzioni entro 18 mesi e contratto a tempo indeterminato.  Le figure più richieste: ingegneri e periti aeronautici, informatici e elettronici

Finmeccanica, il gruppo italiano leader nel settore della difesa e dell’alta tecnologia, assume 1500 giovani al di sotto dei 30 anni nei prossimi 18 mesi. Ad annunciarlo l’amministratore delegato dell’azienda Alessandro Pansa in un’intervista a Il Sole 24 Ore.

Sul tipo di collaborazione proposta lo stesso Pansa ha assicurato: “Si tratta di posti veri e qualificati, non lavori precari”. I neoassunti, infatti, firmeranno un contratto di apprendistato professionale a  tempo indeterminato, formula che ha consentito a Finmeccanica di assumere oltre 3000 dipendenti negli ultimi tre anni.

I profili più ricercati sono: laureati in ingegneria e discipline tecnico-scientifiche e soprattutto diplomati periti aeronautici, industriali, meccanici, informatici ed elettrotecnici.

Già chiarite, inoltre, le aree geografiche in cui opereranno i futuri assunti: il 40% andrà al Nord (essenzialmente in Liguria, Lombardia, Piemonte), il 15% tra Lazio e Toscana e il 45% in Campania e Puglia. Mentre le e aziende che assumeranno di più sono Alenia (600), AgustaWestland (368) e Selex Es (300).

Tutte le informazioni per partecipare all’iniziativa saranno disponibili sul sito di Finmeccanica nei prossimi giorni.

Un impegno che l’azienda italiana ha deciso di prendere per dare una risposta concreta alla crisi occupazionale che colpisce i giovani italiani. In quest’ottica ha varato anche un piano pluriennale di formazione per diplomandi e diplomati degli istituti tecnici. Un progetto che coinvolgerà 10mila studenti nell’orientamento e 5mila nella formazione. “Manodopera qualificata che potrà in futuro soddisfare la domanda di lavoro che viene dalle nostre aziende, dai nostri fornitori o perfino dai concorrenti” ha concluso Pansa.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

50 morti in meno col primo soccorso, Ddl per insegnarlo a scuola

Next Article

Lezioni nella lingue dei segni all'Università di Teramo

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.