Federico II, è caos elezioni. Le associazioni: “Un attacco alla democrazia”

udu napoli

Elezioni sì, elezioni no. E’ caos alla Federico II, dove dopo 4 anni sono state indette le elezioni studentesche: il punto, però, riguarda il termine ultimo per la presentazione delle liste, fissato al 5 marzo.

Gli studenti sono allarmati perché per presentare le liste occorrono almeno 100 firme: “Oggi la Federico II si è resa protagonista di un gravissimo attacco alla democrazia – commentano i ragazzi dell’UDU Napoli.  Ci chiediamo come sia possibile raccoglierle in così pochi giorni, senza contare che la prossima settimana ci sarà il carnevale”.

“Dunque è evidente la volontà di togliere agli studenti il potere di intervenire sulle scelte universitarie, colpendo la rappresentanza, in modo che in molti dipartimenti non si possano presentare liste; tutto questo quando già la Federico Ii da più di un anno versa in una situazione di totale illegalità, non essendoci alcuno studente regolarmente eletto in Senato Accademico” – continuano gli studenti.

“In più, siamo stati informati che alcune associazioni, che evidentemente non sono “scomode” per il potere universitario, erano in realtà state messe al corrente “sottobanco” delle date delle elezioni e hanno iniziato a preparare la documentazione al di fuori dei termini”.

“A questo punto – avvisano gli studenti – , se non ci sarà una marcia indietro da parte dell’Ateneo, siamo pronti a difendere il diritto degli studenti a esprimere democraticamente la propria voce, ricorrendo se necessario ad una appropriata azione legale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Catania, il grido degli studenti a Napolitano: "L'unica possibilità che abbiamo è lasciare il nostro paese"

Next Article

Concorso 500 giovani, la rabbia degli esclusi: "Gestito in malafede"

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale