Catania, il grido degli studenti a Napolitano: “L’unica possibilità che abbiamo è lasciare il nostro paese”

grido degli studenti a giorgio-napolitano3-2

“Noi ragazzi siciliani faremo la valigia una sola volta e torneremo in questa bella terra solo per le vacanze”. Ha gli occhi lucidi e allo stesso tempo determinati Giovanni Magni, studente al secondo anno iscritto all’Università di Catania. Ieri, in occasione della visita di Giorgio Napolitano per l’inaugurazione dell’anno accademico, Giovanni ha voluto rivolgere il suo discorso dai toni decisi e pacati.

“Se non si riesce a invertire il trend sarete responsabili della perdita del capitale umano più pregiato, giovane, colto e preparato, senza il quale non ci può essere futuro per la Sicilia”. Giovanni ha ancora tanta strada da fare, ma nel suo grido si mescolano le sensazioni e gli umori di una generazione intera, quella precaria. Il suo discorso è lo specchio di un popolo che ha come unica possibilità quella di partire, di lasciare il proprio paese d’origine, che non ha certezze sul futuro.

Di siciliani con le valigie in mano ce ne sono migliaia, e lo stesso discorso vale per i tanti ragazzi del Mezzogiorno. Giovanni non sa ancora cosa farà da grande, ma è sicuro di non voler lasciare la sua città. Magari, un giorno, riuscirà a rappresentare una comunità sempre più grande. “E’ il motivo per cui studio a Catania e perché non sono ancora andato via” – racconta.

Il presidente Napolitano ha usato parole di speranza per i giovani: “L’innovazione per ripartire è essenziale perché non c’è politica nazionale che da sola possa risolvere i problemi del Mezzogiorno” – ha detto di fronte alla sala stracolma.

Giovanni studia Economia, e si appresta a preparare l’esame di Diritto Privato. Non sa ancora cosa farà da grande, ma il suo grido e le sue sensazioni sono le stesse di migliaia di studenti del Sud. Che continuano a sudare e a impegnarsi. Che meritano una risposta.

 

Giovanni Magni, ieri, durante il discorso alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano - Fonte: www.catania.laviuniversity.it
Giovanni Magni, ieri, durante il discorso alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano – Fonte: www.catania.laviuniversity.it

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scandalo concorsi: "Paghi 100 mila euro e fai il preside"

Next Article

Federico II, è caos elezioni. Le associazioni: "Un attacco alla democrazia"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).