Federico II, 100mila iscritti ma 1 su 5 falsifica i redditi

Dopo il caso dei falsi redditi all’università Federico II di Napoli e l’appello del rettore agli studenti, si inizia a quantificare la truffa ai danni dello Stato.

Dopo il caso dei falsi redditi all’università Federico II di Napoli e l’appello del rettore, Massimo Marrelli, agli studenti, si inizia a quantificare la truffa ai danni dello Stato. Su circa 100mila iscritti all’ateneo la metà, sottolinea l’agenzia di informazione TMNews «rientra nelle prime cinque fasce di reddito che arrivano a circa 550 euro all’anno».

E’ stato uno studente su cinque a falsificare i redditi per pagare il minimo delle tasse universitari. Uno studente partenopeo ha anche spiegato lo stratagemma utilizzato. «Semplicemente si mettono come residenza a casa di qualche parente, – ha raccontato all’agenzia – magari una persona anziana sola con basso reddito. Così compaiono nel loro stato di famiglia, non c’è bisogno di dare spiegazioni per questo cambio, e così uno paga di meno secondo quella fascia di reddito».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuove università fantasma, mega truffa ai danni degli studenti

Next Article

Oppurtinità presso la DigitPa

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".