Faraone: "Basta classi ghetto e studenti isolati"

Domani, alle 11, nella Sala CNPI del Miur, in viale Trastevere 76/A, il Sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, in occasione del 2 aprile, Giornata Mondiale per la Consapevolezza dell’Autismo indetta dall’Onu, presenterà in conferenza stampa le iniziative di promozione dell’inclusione scolastica attivate dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Durante l’incontro, il Sottosegretario farà il punto su tutti i progetti avviati dal Miur per favorire l’integrazione degli studenti autistici nella scuola e nella società, a partire dalla presentazione della Fondazione italiana per l’autismo, ente che riunisce associazioni e società scientifiche che si occupano del tema in Italia.
“Il Miur sarà protagonista del 2 aprile, così come è sempre stato protagonista e promotore dell’inclusione scolastica dei ragazzi disabili. La scuola italiana – ricorda Faraone – è all’avanguardia ma, nonostante questo, leggiamo ancora di classi ghetto e di ‘stanze del silenzio’. E’ quindi importante sensibilizzare tutta la società sul tema dell’autismo e per questo saremo in prima linea sia il 2 aprile con diverse iniziative, che in futuro con azioni di sistema per favorire l’inclusione scolastica degli studenti disabili”.

Total
0
Shares
1 comment
  1. da anni collaboro con genitori che hanno figli autistici e recentemente sono in contatto con un medico di Bologna che sta promuovendo campagne di informazione e prevenzione nel settore
    Penso che Indire, le scuole, le associazioni dovrebbero fare rete per diffondere articoli e iniziative che si occupano del problema.

Lascia un commento
Previous Article

Università: la programmazione in mano ai docenti a contratto?

Next Article

Server violati: esami da rifare e lauree a rischio

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident