Facimme pace!

“Facimme pace, Educazione alla gestione costruttiva dei conflitti intergenerazionali ed interculturali” per contrastare la dispersione scolastica

Il 22 aprile presso il Centro Culturale ex Macello sito ad Aversa in provincia di Napoli, si terrà il convegno “Facimme pace, Educazione alla gestione costruttiva dei conflitti intergenerazionali ed interculturali”.
Sostenuto dalla Fondazione per il Sud e realizzato dal Cam, Centro Animazione Missionaria, l’evento nasce dall’omonimo progetto realizzato per contrastare la dispersione scolastica, offrendo ai minori, alle loro famiglie e ai loro docenti dei percorsi di educazione alla gestione costruttiva dei conflitti per favorire i processi d’inclusione sociale. Un progetto molto importante se rapportato al contesto sociale e culturale in cui si inserisce. La Campania, infatti, resta una delle regioni con la più alta percentuale di dispersione scolastica che si aggira intorno al 20%, circa il doppio della media nazionale.
Il programma del meeting prevede due workshop, l’uno dedicato ai conflitti intergenerazionali l’altro ai conflitti interculturali, ed un convegno. L’intento è di fa confluire diverse esperienze e professionalità per individuare modelli di progettazione e creare occasioni di confronto e cooperazione tra gli operatori e gli enti del terzo settore. Al convegno prenderanno parte Domenico Ciaramella sindaco di Aversa, Maria D’Ambrosio ricercatrice in pedagogia generale e sociale che farà da moderatore e presenterà i risultati del progetto e dei precedenti workshop, Carlo Falco referente scuole aperte Regione Campania, Giorgio Righetti direttore della Fondazione per il Sud, Marilena D’Angiolella responsabile del progetto, Ciro Pizzo professore di Sociologia all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e Padre Fabrizio Valletti presidente Associazione di Scampia “Aquas”. Saranno coinvolti, inoltre, gli operatori delle diverse realtà associative partner del progetto “Facimme Pace”.
L’evento è aperto a tutti gli operatori sociali e culturali, docenti, studenti e rappresentanti di enti del terzo settore.
www.fondazioneperilsud.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Storia tra dèmos e cràtos

Next Article

CNR, la nube vulcanica sull’Italia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".