Esultò su Facebook per la morte della presidente Jole Santelli: prof a processo per diffamazione aggravata

Paola Castellaro, docente del liceo “Pertini” di Genova, è stata rinviata a giudizio per diffamazione aggravata per aver scritto sul popolare social network un post dove esultava per la morte dell’ex presidente della Regione Calabria.

Dovrà difendersi dall’accuso di diffamazione aggravata Paola Castellaro, la docente di un liceo genovese, per aver esultato con un post su Facebook per la morte dell’allora presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, avvenuta il 15 ottobre del 2020.

Secondo quanto riferisce l’agenzia Dire, la Procura di Genova ha disposto il rinvio a giudizio per la professoressa ed ex attivista del M5S proprio per quella frase choc “Evvai! Una mafiosa di meno!!! Speriamo chiami Silvio, Giorgio, Sergio, ecc.ecc.” che aveva fatto subito il giro del web e provocato reazioni di sdegno bipartisan tanto che il suo profilo fu addirittura oscurato da Facebook.

Il post suscitò l’indignazione anche di molti genitori degli alunni che frequentavano la scuola in cui insegnava la docente (il Liceo statale Pertini di Genova) tanto che la prof fu indagata il 20 gennaio 2021 e sospesa dall’insegnamento pochi giorni dopo, il 28 gennaio, alla fine di un procedimento disciplinare avviato dall’Ufficio scolastico per la Liguria.

Parti offese, che avviarono la querela, le sorelle della ex presidente della Regione Calabria, Paola e Roberta Santelli, assistite dall’avvocato Sabrina Rondinelli. L’atto di citazione di rinvio a giudizio è stato depositato la scorsa settimana dal pm Walter Giuseppe Francesco Cotugno. L’accusa è diffamazione aggravata tramite social network (articolo 595 comma terzo del Codice penale). Il pm ha deciso per l’imputazione perché, si legge nell’atto riportato dall’agenzia Dire, “pubblicando sul proprio profilo social Facebook un post (visibile da tutti gli iscritti)” quella frase “offendeva la reputazione” di Jole Santelli, “fatto aggravato dall’uso del mezzo di pubblicità”.

LEGGI ANCHE:

Total
11
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti in piazza per la giornata in ricordo delle vittime della mafia: "Diritto allo studio baluardo contro la criminalità organizzata"

Next Article

Cercasi laureati disperatamente: le aziende non riescono a coprire 240mila posti di lavoro. Ingegneri elettrotecnici ed esperti informatici i profili introvabili

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.