Erasmus vince il campionato di calcio

L’Erasmus ha vinto la VI edizione del Campionato di Calcio maschile delle Università di Roma.

L’Erasmus ha vinto la VI edizione del Campionato di Calcio maschile delle Università di Roma. Nella finalissima disputatasi lo scorso venerdì, presso la struttura sportiva del Cotral (zona Marconi), la squadra degli stranieri di Roma ha sconfitto il Foro Italico.

Il risultato è stato di 1-1 negli 80 minuti regolamentari, poi ci sono stati i tempi supplementari e per decretare la squadra vincente si sono disputati i rigori.

Alla “lotteria” ha vinto l’Erasmus, che così iscrive il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione per il secondo anno consecutivo. Per il Foro Italico la magra consolazione di aver chiuso la stagione senza sconfitte e con la miglior difesa tra le 10 squadre degli atenei partecipanti.

Il Foro Italico è passato in vantaggio con Omar Sherif, nel primo tempo (votato poi miglior giocatore della finale); l’Erasmus ha pareggiato con Nick Kostov, nella ripresa.

A fine incontro Nicolò Gulotta, allenatore dell’Erasmus, ha detto: “La nostra carta vincente? Aver disputato un’ottima stagione complessivamente. Certo, in finale abbiamo giocato malissimo, forse la nostra peggior partita in assoluto, poi la fortuna ci ha assistito. Comunque le finali non si giocano, si vincono. Tanti complimenti al Foro Italico”.

Così invece Antonio Tessitore, allenatore del Foro Italico: “Dispiace vedere i miei ragazzi piangere invece di gioire, ma sono contento della prestazione: siamo stati protagonisti sul campo, anche se non siamo stati bravi a chiudere il match prima dei rigori. Speriamo nella vittoria il prossimo anno”.

Terze si sono classificate ROMA TRE e la JOHN CABOT UNIVERSITY.

La Lumsa è stata premiata con la “Coppa Fair Play”, quale squadra più corretta e disciplinata della manifestazione.

Edoardo Maria Massimi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La patria degli altri alla Sapienza

Next Article

Connection day a Milano: imprese e studenti a confronto

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.