Erasmus, l’Udu al governo: “Di insuperabile c’è solo la vostra lontananza dai problemi del Paese”

Erasmus

La fumata nera sulla possibilità di far votare a queste elezioni politiche anche gli studenti Erasmus arriva dal governo Monti. Niente da fare precisano i tecnici a palazzo Chigi, “ci sono ostacoli insuperabili” che impediscono di potersi organizzare per garantire il voto degli studenti all’estero.

La lettera dell’Udu. Una risposta che non è piaciuta al sindacato studentesco di sinistra, l’Udu, che ha espresso parole molte dure sul mandato di questo governo. “Continuiamo ad avere un Governo dimissionario che predica bene e razzola male – ha precisato Michele Orezzi, Coordinatore Nazionale dell’Unione degli Universitari – non è bastata la mobilitazione, anche tramite foytopetizione di migliaia di studenti Erasmus che non sono messi nelle condizioni di poter tornare e compiere il proprio diritto da cittadini italiani”.

“Di insuperabile – ha scritto Orezzi – notiamo ancora una volta solo la distanza tra un Governo di Professori e il Paese reale: quello del 50% di studenti lavoratori, quello di uno Stato Sociale a pezzi, quello delle disuguaglianze sociali che impediscono alla gran parte di questi 30mila ragazzi che hanno la sola colpa di studiare all’estero di poter tornare a votare con le proprie risorse”.

L’appello a Napolitano. L’unione degli Universitari si sta appellando in queste ore al Presidente Napolitano che “per più volte si è ricordato di noi giovani e dei drammi del sistema di diritto allo studio sotto finanziato”. Tra le richieste avanzate quella “di prendersi a cuore le nostre richieste e di poter riportare sul pianeta terra questa Governo di Professori che non solo non rispetta il voto di noi studenti ma che vivono completamente staccati da quella che è la drammatica situazione degli studenti e dei giovani nel nostro Paese”.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Durate un esame il prof continua a twittare. La rabbia di una studentessa

Next Article

Campagna elettorale, la sfida è tra i manifesti più simpatici

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".