Epso Concorsi aperti – lavoro nell’Unione Europea

Aperti nuovi concorsi Epso per assunzioni nell’UE.
Si ricerca personale per lavorare presso le istituzioni dell’Unione Europea. Sono stati pubblicati nuovi bandi per la copertura di vari posti di lavoro in Belgio, Lussemburgo, Italia e altri Paesi. Si ricercano anche giovani da inserire in stage.
L’Ufficio europeo di selezione del personale si occupa del reclutamento di varie figure per le istituzioni e gli organi dell’Unione Europea. Costituito nel 2002, ha sede a Bruxelles. L’EPSO periodicamente organizza concorsi pubblici per lavorare nel Parlamento europeo e presso altri enti. Tra questi il Consiglio, la Commissione europea, la Corte di giustizia, la Corte dei conti e il Servizio europeo per l’azione esterna. E ancora il Comitato economico e sociale europeo, il Comitato delle regioni, il Garante europeo della protezione dei dati e il Mediatore europeo.
In questo periodo, ad esempio, è possibile partecipare a nuovi bandi Epso per assunzioni e tirocini presso la Commissione europea, il Parlamento europeo, il Consiglio dell’UE e l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA). E, ancora, presso l’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo (EASO), la Procura europea (EPPO), il Comitato delle regioni e altre agenzie e istituzioni dell’UE. Si ricercano Agenti temporanei e contrattuali, e Funzionari permanenti, da assumere con contratti di lavoro a tempo determinato, eventualmente rinnovabili, e a tempo indeterminato, tirocinanti. In molti casi i concorsi per le assunzioni nell’Unione Europea sono finalizzati alla costituzione di elenchi di candidati idonei, da cui agenzie e istituzioni dell’UE possono attingere per la copertura di posti di lavoro vacanti.
Le opportunità di lavoro nell’Unione Europea sono rivolte, per lo più, a laureati e diplomati, con esperienza variabile in base ai profili professionali. Nella maggior parte dei casi ai candidati si richiede l’ottima conoscenza di almeno una delle lingue ufficiali dell’UE, tra cui rientra anche l’Italiano, e la conoscenza soddisfacente di almeno una seconda lingua tra le stesse, diversa dalla prima. Per quest’ultima le lingue più richieste sono, generalmente, Francese, Inglese, Spagnolo e Tedesco, ma può essere richiesta la conoscenza anche di altre lingue straniere.
Ai candidati, inoltre, si richiede solitamente il possesso dei seguenti requisiti generali:
– cittadinanza di uno Stato membro dell’UE. In alcuni casi il requisito di cittadinanza è esteso anche ai cittadini dei Paesi candidati a diventare membri dell’Unione Europea;
– godimento dei diritti civili;
– posizione regolare rispetto agli obblighi militari;
– offrire le garanzie di moralità richieste per l’esercizio delle funzioni da svolgere.
 
STAGE ACER
L’Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia cerca laureati interessati a svolgere tirocini presso la propria sede di Lubiana (Slovenia). I percorsi di formazione e lavoro potranno essere attivati nei settori Stampa e Comunicazione, Risorse Umane, IT, Politiche, Analisi di mercato e Data Analysis.
Non è prevista una data di scadenza per le candidature, dato che gli stage ACER vengono attivati ogni anno, a partire dal 1 ° marzo e dal 1° settembre. Si tratta di tirocini retribuiti 500 Euro al mese, della durata di 6 mesi. Per i tirocinanti sono previsti anche indennità per i costi di alloggio (affitto), contributi per le spese di viaggio, abbonamenti o contributi mensili per il trasporto pubblico.
 
ALTRI TIROCINI ATTIVI
Sono aperte le selezioni anche per svolgere un tirocinio presso i seguenti istituti e agenzie UE:

  • Stage Comitato delle regioni – Bruxelles (Belgio). Hanno una durata di 5 mesi e prevedono due cicli annuali, a partire dal 16 febbraio e dal 16 settembre. I tirocinanti percepiscono una retribuzione di circa 1.000 euro. Candidature entro 31 marzo.

ALTRE SELEZIONI

Vi ricordiamo, che, durante l’anno, vengono pubblicati bandi per lavorare presso la Fondazione europea per la formazione (ETF), la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro (EUROFOUND), la Corte di giustizia dell’Unione europea, il Centro di traduzione degli organismi dell’Unione Europea (CDT) e l’Agenzia europea di controllo della pesca (EFCA). O presso l’Agenzia esecutiva per la ricerca (REA), l’Agenzia ferroviaria europea (ERA), l’Autorità bancaria europea (EBA), il Comitato di risoluzione unico (SRB), il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO), l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) e altri enti.
 
Le domande di partecipazione, complete della documentazione richiesta nei bandi, devono essere presentate, secondo le modalità ed entro gli eventuali termini di scadenza indicati negli stessi, attraverso le apposite procedure online. Le stesse sono raggiungibili dalla pagina web dedicata alle posizioni aperte per lavorare nell’UE, Epso “Concorsi”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, la nuova #Maturità nella circolare rivolta a scuole e studenti

Next Article

AFAM, Fioramonti: “Formazione artistica e musicale è nostro fiore all’occhiello: nel 2019 gli Stati Generali”

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.