Economia: stop and start

Alla facoltà di Economia della Federico II di Napoli gli studenti arenati sulle sponde del libretto universitario potranno ricevere un aiuto concreto a partire da martedì 5 ottobre.

Alla facoltà di Economia della Federico II di Napoli gli studenti arenati sulle sponde del libretto universitario potranno ricevere un aiuto concreto a partire da martedì 5 ottobre.
Infatti, tutti gli iscritti che da almeno due anni non sostengono esami saranno contattati per cercare una soluzione che li rimetta in regola. Gli studenti saranno invitati ad un incontro per discutere i problemi che hanno causato questa “pausa” con riferimento al loro personale punto di vista sui servizi didattici che potrebbero risultare utili al superamento degli ostacoli incontrati durante il percorso.
Responsabile del progetto è la prof.ssa Rosalba Filosa Martone e si avvarrà della partecipazione di numerosi docenti, ricercatori e dottorandi di economia. Gli incontri si svolgeranno ogni martedì e giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00 di ottobre nella presidenza della facoltà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani cervelli europei

Next Article

Il giurista federiciano

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.