“Ecco perché ho scelto l’Italia”

“La tradizione storica italiana? Forse ha influito sulla mia decisione, ma non è stato il motivo principale”. Joshua, 22 anni, inglese, dopo aver già frequentato il liceo in Italia ha deciso di continuare a studiare all’estero.

UNO STUDENTE INGLESE

“La tradizione storica italiana? Forse ha influito sulla mia decisione, ma non è stato il motivo principale”. Joshua, 22 anni, inglese, dopo aver già frequentato il liceo in Italia ha deciso di continuare a studiare all’estero.

Aveva preso in considerazione anche il Belgio, ma la decisione finale è caduta sull’Università per Stranieri di Siena. Con quella di Perugia è uno dei due atenei statali “pensati” fin dall’origine per gli studenti in arrivo da oltre confine, ma che accettano anche iscritti italiani, e qui Joshua frequenta il secondo anno del corso di laurea in “Mediazione linguistica”, ambito “turistico-imprenditoriale”. Una doppia scelta – di ateneo e di indirizzo – dettata soprattutto da un desiderio: “Volevo immergermi in una cultura diversa, ma con la possibilità di conoscerne altre e non limitare la mia esperienza”. Importate in questo senso è stata, per Joshua – oltre alla presenza di insegnanti di madrelingua straniera – proprio la possibilità di confrontarsi con coetanei di altri Paesi, organizzando “scambi linguistici”: ad esempio, spiega, “un italiano che sta studiando lo spagnolo o il cinese, può fare una o due ore di conversazione con uno spagnolo o un cinese che studia l’italiano”: un dialogo che si svolge per metà in una lingua e per il resto nell’altra. Un aiuto per imparare anche fuori dall’aula, e, conclude Joshua, “un’ottima innovazione”.
d.m.

Fuga di cervelli? Semmai li importiamo…
Le inchieste di CorriereUniv.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Napoli uno sportello per i nostri piccoli amici

Next Article

Orientarsi con la Guida, Conservatorio

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".