Due università inglesi inventano il raggio traente di Star Trek

La fantascienza è realtà, o almeno comincia ad avvicinarvisi. Un team di ricercatori inglesi, infatti, è riuscito a costruire un vero e proprio raggio traente, esattamente come quello utilizzato dalle astronavi dei film fantascientifici per catturare e portare a bordo persone e oggetti.
L’esperimento, condotto tra le Università di Bristol e del Sussex, è stato portato avanti grazie al sapiente utilizzo di onde sonore che, a certe frequenze e controllate in remoto, sono state utilizzate per afferrare e spostare piccolissimi oggetti.
Nello specifico sono state necessarie 64 piccole casse disposte su un piano di lavoro; i ricercatori hanno poi trovato le combinazioni in cui le onde sonore prodotte, combinandosi, fossero in grado non solo di spostare, ma persino di manipolare piccoli oggetti. Il risultato è che l’apparecchio sia stato capace di muovere fino a un massimo di 2 oggetti da 1 millimetro contemporaneamente , di ruotarli, farli toccare o tenerli semplicemente sospesi in aria.
Per spostare astronavi, meteoriti, catturare alieni, c’è ancora molto da lavorare. Intanto, però, le applicazioni dell’innovazione scientifica potrebbero servire in chimica per la combinazione di molecole “purissime” o in medicina, per la somministrazione di farmaci nel corpo umano senza contatto.
Per capire come funziona questo straordinario dispositivo, ecco il video girato dall’equipe scientifica dell’Università di Bristol e del Sussex:

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 28 ottobre

Next Article

Assunzioni Buona Scuola: alle medie 9 prof di matematica in più, ma abbondano docenti di musica e ginnastica

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".