Due scosse di terremoto nella zona de L’Aquila

Una prima scossa di terremoto di magnitudo 3.4 con profondità di 16,6 chilometri è stata registrata alle 3:54 nel distretto sismico del Gran Sasso. La scossa è stata avvertita in diverse province della zona de L’Aquila.

scossa_terremoto_00021

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 con profondità di 16,6 chilometri è stata registrata alle 3:54 nel distretto sismico del Gran Sasso. La scossa è stata avvertita in diverse province della zona de L’Aquila.

Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, i comuni interessati sono Barete, Barisciano, Campotosto, Capitignano, Fossa, L’Aquila, Ocre, Pizzoli, Poggio Piacenze, San Demtrio ne’ Vestini, Sant’Eusanio Forconese per quanto riguarda la provincia dell’Aquila; Cortino, Fano Adriano, Pietracarmela, per la provincia di Teramo.

Non si segnalano al momento danni a persone o cose. Alle 4:50 una seconda scossa di magnitudo 2,1 è stata nuovamente segnalata dall’Ingv a 16,2 chilometri di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni di Crognoleto e Pietracarmela, sul versante teramano del Gran Sasso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano, tutti gli appuntamenti da non perdere della settimana

Next Article

Tirocini formativi all’estero con il supporto del Comune

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.