Due architetti per brand di farmacie

Sartoretto Verna, lo storico brand italiano che progetta e produce linee di arredo brevettate dedicate alle farmacie, ricerca due architetti.

Sartoretto Verna, lo storico brand italiano fondato nel 1965 che progetta e produce linee di arredo brevettate dedicate alle farmacie, ricerca due architetti.

La prima ricerca riguarda un architetto/designer di interni/commerciale. Sono richieste le seguenti doti: conoscenze tecniche in merito alla progettazione e installazione degli arredi per spazi commerciali; propensione ai rapporti commerciali e di vendita; capacità di gestire le persone; intraprendenza; impegno e volontà di successo; lingua inglese; patente B.
Per questa posizione inviare cv e lettera di presentazione all’indirizzo email [email protected] indicando in oggetto ‘profilo A2 COM’.

La seconda ricerca è rivolta ad architetti o ingegneri edili madrelingua (tedesco/inglese/russo/indiano) che abbiano un’ottima conoscenza scritto e parlato dell’italiano per una collaborazione continuativa a tempo pieno. La figura ricercata ha una mentalità internazionale, ama viaggiare e relazionarsi con le persone, ha maturato esperienze nell’ambito della progettazione e arredamento negozi.
Per questa posizione indicare nell’oggetto della mail con cv e lettera di presentazione la dicitura ‘profilo A1 COM’.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Email elettorali agli studenti. Scoppia la bufera a Catania

Next Article

Roma. Cede un pilastro, evacuata la scuola

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.