Dopo il diploma? Alla conquista dell’Europa

Partire, tornare, forse restare… Dopo il diploma, moltissimi ragazzi e ragazze non sanno esattamente cosa fare: l’Università spaventa, il mondo del lavoro ancora di più; ma le alternative non mancano: sono tantissimi, infatti, i progetti dell’Unione Europea che offrono opportunità di mobilità, di formazione e di lavoro a giovani diplomati che abbiano voglia e coraggio di mettersi in gioco. Come trovarle? Facile: in questa sezione abbiamo raccolto alcuni degli enti (con annessi riferimenti) che potranno esserti utili nella ricerca della tua occasione
Eures – È il portale di placement dell’Unione Europea: una rete di professionisti che mette in contatto giovani come te e aziende. Sul sito di Eures potrai trovare moltissime opportunità di lavoro in diversi paesi dell’UE, ma anche informazioni sui trasferimenti, sul sistema lavoro all’estero, etc. Eures, inoltre, mette a disposizione una rete di 850 consulenti sparsi su tutto il territorio pronti ad aiutarti a trovare l’opportunità più adatta alle tue esigenze. Ecco il sito: ec.europa.eu › EURES
Eurodesk – Cosa offre l’Unione Europea ad un giovane diplomato? A quali programmi puoi accedere? In cosa consistono i tuoi vantaggi in quanto cittadino europeo? A queste e altre domande risponde Eurodesk, la struttura ufficiale del programma Erasmus+ dedicata all’informazione, alla promozione e all’orientamento sui progetti in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. Tirocini, borse di studio, concorsi, premi: su Eurodesk troverai tutte le informazioni che cerchi, sempre aggiornate e sicure. www.eurodesk.it
Erasmus+ – Un grande contenitore pieno di opportunità: Erasmu+ è il progetto della UE, valido dal 2014 fino al 2020 dedicato all’istruzione, alla formazione, alla gioventù e allo sport e aperto a tutti i cittadini europei. Raggruppa sette differenti programmi: The Lifelong Learning Programme, Gioventù in Azione, Erasmus MundusTempus; Edulink, Alfa e il Programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati. www.erasmusplus.it
Un esempio? Particolarmente interessanti potrebbero essere i Progetti Leonardo: in genere si tratta di progetti di mobilità e lavoro in altri paesi europei; i contesti possono essere i più svariati (si va dal settore del sociale a quello del turismo, dalla ristorazione alla comunicazione e marketing); la durata è di tre mesi, con un iniziale corso di preparazione da svolgere in Italia; ai partecipanti viene corrisposto in genere un piccolo stipendio, l’assicurazione medico sanitaria, vitto, alloggio, e un breve corso di lingua del paese di destinazione.
Altra opportunità contenuta in Erasmus+ sono gli SVE (Servizio di Volontariato Europeo): di durata variabile, possono impegnarti fino ad un anno. Ai candidati viene corrisposto generalmente un pocket money mensile, la copertura dell’assicurazione medica, le spese di vitto e alloggio, e quelle di trasporto.
Insomma, le occasioni con Erasmus+ sono moltissime e soprattutto in continuo movimento, per cui, anche se sul momento non trovi quella adatta a te, non disperare: torna a controllare periodicamente le offerte e i progetti perché l’opportunità che cerchi è dietro l’angolo.
 
E se volessi restare?
Partire non è l’unica opzione: per chi vuole restare in Italia, il nostro paese offre una serie di opportunità altrettanto valide. Di seguito alcuni contatti istituzionali da consultare di frequente per essere sempre al corrente delle occasioni messe a disposizioni per giovani come te.
Cliclavoro – È il portale governativo dedicato al mondo del lavoro: informazioni, assistenza, ma anche tante opportunità www.cliclavoro.gov.it/Pagine/default.aspx
Incontragiovani – Una rete di sportelli di orientamento, informazione e assistenza su tutto il territorio nazionale. Sul sito si trovano opportunità di lavoro, stage, borse di studio, ma anche appuntamenti e occasioni per vivere al meglio la tua città. www.incontragiovani.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma Tre, parla il rettore Panizza: "Vogliono la brutta copia del modello americano"

Next Article

Test d'ingresso, pubblicati i numeri ufficiale: a Medicina 470 posti in meno

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.