Domani, mobilitazione universitaria a livello nazionale

Comunicato stampa FLC CGIL Nazionale – ADI-Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca – Link Coordinamento Universitario

Dopo decine di discussioni pubbliche negli atenei, le manifestazioni studentesche e l’Assemblea Nazionale dei Ricercatori Determinati a Roma, la mobilitazione universitaria si salda a livello nazionale, giovedì 6 dicembre, in azioni di protesta diffuse nelle città.

Studenti, dottorandi, assegnisti, ricercatori a tempo determinato faranno emergere la centralità delle loro rivendicazioni attraverso forme simboliche di protesta, flash mob, lezioni in piazza e assemblee permanenti chiedendo che nel nostro Paese si torni ad investire nell’Università.

“Stabilizzare i precari della ricerca universitaria, unitamente a tutte le altre componenti accademiche con contratti in scadenza da anni, è un atto di civiltà. Estendere il Decreto Madia e interventi di 1,5 mld in finanziaria per dare la vera stabilità al Comparto Università è quanto mai necessario. I Ricercatori Determinati e gli studenti di questo Paese si mobilitano domani nelle città per ottenere una giusta inversione di rotta dal Governo delle promesse non mantenute” dichiara Tito Russo, Centro Nazionale FLC CGIL.

“Un piano di reclutamento pluriennale unito a una riforma dei contratti pre-ruolo è ormai un’urgenza per garantire la tenuta complessiva del sistema universitario” – dichiara Giuseppe Montalbano, segretario di ADI – “per questo facciamo appello a tutti i colleghi dottorandi e precari della ricerca a mobilitarsi con noi il 6 dicembre”.

“Urge un aumento sostanziale del fondo integrativo statale per la copertura totale delle borse di studio”- dichiara Alessio Bottalico, coordinatore nazionale di Link Coordinamento Universitario – “Sono, inoltre, necessari finanziamenti massicci per la costruzione di residenze e servizi di diritto allo studio, oltre che per l’edilizia universitaria. Basta promesse sulla nostra pelle: studenti in mobilitazione il 6 dicembre”.

Di seguito alcune delle iniziative previste domani:

Milano, ore 11.00 Università Statale, Festa del perdono – Ore 12.00 Palazzo Marino, presìdi, volantinaggio, lancio di una foto-petizione

Trieste ore 13.00, Piazzale Europa, interno dell’edificio A, esposizione di uno striscione

Bologna, ore 11.00, presidio sotto le due Torri        

Genova, ore 10.00, Rettorato, volantinaggio

Roma, nel pomeriggio, Università La Sapienza, azione a sorpresa

Napoli, dalle ore 10 alle ore 12, Università Federico II, esposizione striscione              

Bari ore 12.00, Atrio del Politecnico, interventi e flash mob ‘Funerale dell’università’

Lecce ore 10.00, Rettorato, presidio                          

Palermo, dalle  ore 10 alle ore 12 , Viale delle Scienze, volantinaggio e illustrazione della Piattaforma dei ricercatori determinati

Foggia, ore 13.00, Dipartimento di Studi Umanistici, esposizione striscioni e conferenza stampa

Per maggiori informazioni sugli eventi, la pagina Facebook dei Ricercatori Determinati e l’evento

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

PREMIO “LEONARDO LA PUMA” PER UNA TESI DI LAUREA SULLO STUDIO DELLA SINDROME DI ALZHEIMER

Next Article

Comparto Istruzione e Ricerca - sciopero 17 dicembre 2018

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.