Docenti vs rettori: la Superlega dell’Università?

L’Andu attacca i rettori per i loro metodi che aumenterebbero il precariato e il gap fra Nord e Sud creando una Superlega Universitaria

La Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (Crui) il 22 aprile 2021 ha approvato, all’unanimità, il documento “Formazione alla ricerca e reclutamento universitario”. Secondo l’Associazione Nazionale Docenti Universitari (Andu), l’intento dei rettori è quello di ampliare la giungla dei precari e allungare fino a 22 anni la loro permanenza, senza fornire una prospettiva di sbocco alla cattedra.

Per l’Andu, la Crui sta cercando di creare una Superlega dell’Università, in cui a beneficiarne sarebbero gli atenei più ricchi del nord d’Italia attraverso nuovi meccanismi di trasferimento che permetterebbero loro di reclutare i docenti migliori.

Per questo, secondo l’Associazione insegnanti è necessario introdurre un organismo che regoli democraticamente il mondo universitario nazionale, per contrastare “il dannoso ruolo che la CRUI sta svolgendo da decenni elaborando e/o sostenendo le ‘riforme’ che stanno smantellando l’Università statale, ma soprattutto per assicurare l’autonomia del Sistema nazionale universitario dai poteri forti interni ed esterni”.

L’idea è quella di semplificare la rappresentanza dei docenti dovrebbero dividendoli in non più di 6 grandi aree scientifico-disciplinari, che andrebbe poi a nominare il Collegio nazionale di disciplina.

Un punto fondamentale è quello dell’abolizione del precariato, bandendo almeno 25.000 posti di ruolo di professore (di seconda o di terza fascia) in 4 anni e prorogare tutti gli attuali precari fino all’espletamento dei relativi concorsi, cancellare tutte le attuali figure precarie e introdurre una sola figura pre-ruolo di durata triennale, in numero rapportato agli sbocchi in ruolo e con piena libertà di ricerca.

Per evitare però gli interessi personali, il clientelismo e il nepotismo, le prove, fin da quella per l’ammissione ai dottorati, dovrebbero essere nazionali, valutate da professori sorteggiati.

Total
15
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un "ponte" per l'estate: il Ministero svela le tre fasi fino a settembre: tanta socialità e pochi libri

Next Article

Comprare una casa senza anticipo: per gli under 35 ora garantisce lo Stato

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".