Diritto allo studio e al teatro civile

Laziodisu, sensibile alle problematiche di integrazione sociale presenti sul territorio romano,finanzia il teatro civile.

Laziodisu, sensibile alle problematiche di integrazione sociale presenti sul territorio romano, ha scelto di sostenere e finanziare il progetto del giovane regista Danilo Chiarello.
La ricerca è nata da un lungo ed attento studio allinterno di alcune realtà emarginate nella città di Roma e si concluderà con l’originale messa in scena dello spettacolo teatrale La Piena.
Ricchezza dei contenuti, profondo impatto sociale, forte legame con l’attualità del nostro paese, questi gli elementi di un’opera che si avvale della collaborazione dell’Associazione Teatrale Pontefolle, dell’ Opera Nomadi e del patrocinio morale di Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune di Roma e Municipio XI.
Lo spettacolo ci riporta ad un periodo in cui, nella città di Roma, lungo le sponde del fiume Tevere, iniziano ad insediarsi numerose famiglie rom. Una storia in cui quattro personaggi si trovano ad affrontare la piena del fiume Tevere, che mette in pericolo la loro stessa vita, innescando una serie di riflessioni e di sentimenti contrastanti che ci rivelano quanto di fronte al dolore nonesista più alcuna diversità di razza, cultura o religione e di fronte alla quale ci riscopriamo tutti uguali, inermi.
La Piena conduce lo spettatore all’interno della cultura Rom, con i suoi riti, le sue tradizioni e tutta la carica umana che le appartiene, in una storia densa di verità ed emozione.
Uno spettacolo che invita a riflettere su di noi, sulla nostra paura verso tutto ciò che consideriamo estraneo alla nostra esperienza quotidiana.
La manifestazione avrà luogo nei giorni 16-17-22-23-24 aprile 2010 ore 21,00 presso il Teatro Columbus di Roma e il 7-8 maggio 2010 ore 21,00 presso il Teatro Kollatino Underground.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Diaologatrici e dialogatori per Amnesty International

Next Article

Fondi per l'imprenditoria giovanile

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).