Diaologatrici e dialogatori per Amnesty International

Vuoi difendere i Diritti Umani? Amnesty International grazie all’unione di tante voci tenta di fermare le violazioni al diritto umano.

“Il lavoro occupa gran parte della vita, lavorare per realizzare quello in cui si crede è un sogno !” (Laura, dialogatrice di Milano).
Vuoi difendere i Diritti Umani? Amnesty International grazie all’unione di tante voci indignate ha già saputo fermare innumerevoli violazioni in tutto il mondo: entrando nel progetto Face to Face contribuirai a portare tante nuove voci a sostegno di Amnesty, perchè possa continuare a dare voce alla speranza rimanendo indipendente, imparziale e al di là di interessi politici, religiosi ed economici.
Requisiti
Sei diplomato, hai una forte motivazione personale verso le tematiche dei Diritti umani, ami comunicare, ti piace lavorare in gruppo, sei orientato al raggiungimento degli obiettivi e sei disponibile a spostamenti di breve periodo sull’intero territorio nazionale.
Tipologia di lavoro
Amnesty International ti fornirà subito una prima adeguata formazione sia in aula che sul campo.
Lavorerai poi in gruppo, con l’aiuto e il coordinamento di un team leader, a costante contatto con il pubblico presente in centri storici, vie ad alta frequentazione, teatri, cinema, centri culturali e commerciali. Visibile e riconoscibile grazie alla pettorina di Amnesty International ti occuperai di sensibilizzare le persone con cui entrerai in relazione sulla missione e le campagne di Amnesty , proponendo a chi ci vorrà sostenere la possibilità di farlo in modo efficace e continuativo. tramite domiciliazione di una donazione mensile su conto corrente bancario/postale o carta di credito.
L’attività prevede un impegno part-time per un periodo iniziale di 4 settimane con possibilità di prolungamento sui mesi successivi. Il compenso sarà composto da una retribuzione in parte fissa e in parte commisurata agli obiettivi raggiunti.
Invia il tuo CV completo di consenso al trattamento dei dati personali in conformità alla legge n.675/96 a [email protected] con riferimento: F2F FIRENZE/NAPOLI/TORINO/ROMA/MILANO a seconda della città interessata.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio giornalistico in memoria di Biagi

Next Article

Diritto allo studio e al teatro civile

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.