Dipendenza del XXI° secolo

internet-addiction.jpgIl 2 novembre il Policlinico di Roma ha inaugurato una nuova struttura: l’ambulatorio rivolto alla cura della dipendenza dall’uso della rete digitale: Internet Addiction Disorder, coordinatore lo psichiatra Federico Tonioni.
Già sul viale del tramonto degli anni ’80, Margeret Schotte, psicologa americana, scrisse Computer Addiction sulla dipendenza dal computer. Da allora la dipendenza tecnologica siè estesa su scala mondiale. Il prof. Jerald Block questa primavera ha chiesto che tale disagio sia racchiuso nel Manuale statistico e diagnostico dei disordini mentali, classficandolo distrubo compulsivo-ossessivo.
Il primo centro di rabilitazione per i retomani fu inaugurato nel 1995 da Kimberly Young, autrice di  Caught in the Net (Intrappolato nella rete). E, ora che l’allarme “retomania” è giunto anche in Italia , il Policlinico Gemelli ha creato una struttura apposita per cura dalle dipendenza da Web, un’attività che crea dei veri e propri “drogati” di chat, comunità digitali, social network.Un uso-abuso indiscriminato e compulsivo di Internet
L’ambulatorio, oltre alla patologia suddetta, si occuppa di un ampio ventaglio di dipendenze, dal gioco d’azzardo all’alcol e stupefacenti.
Lo psichiatra Federico Tonioni  ha dichiarato “L’utilizzo patologico di internet provoca sintomi fisici molto simili a quelli manifestati da tossicomani in crisi di astinenza. Garantiremo ai nostri pazienti di contenere quel malessere che per molti durante l’astinenza dal web si trasforma in ansia, depressione e paura di perdere il controllo di ciò che accade in internet“.
Il protocollo di cura prevede diverse fasi: un colloquio iniziale, incontri successivi per individuare la psicopatologia , eventualmente contenuta con un’appropriata terapia farmacologia, e l’inserimento progressivo in gruppi di riabilitazione.
Ieri 3 novembre è stato ricoverato il primo paziente retomane. L’età media prevista per i “futuri” pazienti oscilla dai 20 ai 35 anni.
Per accedere alla prima visita occorre prenotare al numero telefonico 06/30154332.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Campagna nazionale "Salva l’Acqua"

Next Article

General Management della Pubblica Amministrazione

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.