Digitalizzazione, l’Italia arretra nella classifica Ue: mancano gli sviluppatori

Secondo una ricerca americana, il 77% degli intervistati considera il linguaggio informatico imprescindibile per avere successo nel lavoro e il 73% sostiene che questo sia il momento giusto per imparare

In Italia il numero di programmatori ed esperti di coding è ancora troppo basso per rispondere all’offerta del mercato 

Il rapporto presentato a febbraio 2021 dalla Corte dei Conti Ue vede il nostro Paese come quint’ultimo nella classifica europea delle competenze digitali, con oltre il 50% della popolazione attiva che ne è privo. Nel settore della programmazione poi è ancora più urgente la necessità: in Italia, infatti, sono sempre di più le posizioni aperte in campo ICT, ma non ci sono abbastanza sviluppatori a rispondere all’offerta del mercato.

Le professioni del mondo del coding sono sempre più diversificate e in costante evoluzione: Web Developer,  App Developer, Blockchain Developer sono solo alcune tra le figure richieste.

Un altro dato che sottolinea l’importanza della formazione nel coding è quello della ricerca condotta da OnePoll per conto di CodeWizardsHQ, un genitore su quattro vorrebbe che i propri figli imparassero il linguaggio informatico di programmazione, il 77% considera questa skill imprescindibile per avere successo nella digital economy e il 73% sostiene che questo è il momento giusto per imparare.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Da Wembley ad Urbino: laurea ad honorem per il ct della Nazionale Roberto Mancini

Next Article

Le scade il Green pass mentre è in aula: prof di sostegno costretta a lasciare da sola l'allieva epilettica

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"