Dieci anni di Comunicazione a Perugia

univperugia.jpgFesteggiare i primi dieci anni di un corso di laurea che ha fornito a migliaia di studenti conoscenze e competenze nel campo della comunicazione, intensificare i rapporti tra il territorio e il corso stesso e, infine, mettere in contatto le imprese con gli studenti. Sono questi i temi che verranno affrontati nel corso del convegno dal titolo “Professione Comunicatore (1): Impresa, Territorio e Comunicazione”, organizzato per le prime 10 candeline del corso di laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Perugia.
Un’intera giornata – quella di venerdì 9 maggio – dedicata ai temi della comunicazione: dalle ore 9.30 alle 17.30 – presso l’Aula 1 della Facoltà di Scienze Politiche di via Pascoli – docenti, professionisti e imprenditori insieme agli studenti avranno opportunità di confronto circa le nuove prospettive del settore, della professione e del suo riconoscimento.
Durante la mattinata, per la serie “Comunicatori si diventa: la professione del comunicatore in azienda”, si affronterà un’analisi dei bisogni di formazione e di professionalizzazione anche in ambito locale; a partire dalle 14.30, invece, protagoniste assolute le esperienze di comunicazione della Regione Umbria. Al tavolo dei relatori, docenti universitari, imprenditori e comunicatori locali.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tesi sul Polesine in concorso

Next Article

Lavoro tra i giocattoli con il Gruppo Preziosi

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".