Diaz: l’Italia a Berlino

E’ “Diaz – Don’t clean up this blood” il primo film a rappresentare l’Italia al prossimo Festival Internazionale di Berlino.

E’ “Diaz – Don’t clean up this blood” il primo film a rappresentare l’Italia al prossimo Festival Internazionale di Berlino. La pellicola prodotta da Fandango e Domenico Porcacci sul G8 di Genova è interpretata da Claudio Santamaria, Jennifer Ulrich, Elio Germano, Renato Scarpa e Alessandro Roja e narra la vicenda della scuola Diaz assaltata nella notte di quel 21 luglio 2001.

Bisognerà attendere il 2 marzo per vedere Diaz al cinema che non è l’unico film quest’anno dello stesso genere. Altro attesissimo nelle sale è A.C.A.B. All Cops Are Bastard con Pierfrancesco Favino, Marco Giallini, Filippo Nigro, Domenico Diele e Andrea Sartoretti. Gli attori interpretano tre poliziotti Cobra, Negro e Mazinga militanti nel VII Nucleo di Polizia, reparto speciale in prima linea contro ultrà, black bloc, No Tav.

Ma, tornando al film di Vicari, Diaz è stato sottotitolato “Non lavate questo sangue” e sarà accompagnato dal rapporto di Amnesty International che definì l’accaduto “La più grave sospensione dei diritti democratici in un Paese occidentale dopo la Seconda Guerra Mondiale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Puglia, dalla regione partono concorsi e borse di studio

Next Article

Jacopo Morelli, “Giovani al centro delle liberalizzazioni”

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".