Decleva in corsa, modificato lo Statuto

statuto2.jpgPer uscire dall’impasse alla fine la Statale di Milano ha deciso di cambiare lo Statuto. Il problema? Il rettore Enrico Decleva avrebbe terminato il secondo mandato – senza la possibilità di essere rieletto una terza volta – e così sarebbe automaticamente decaduto anche dalla carica di presidente della Conferenza dei rettori. La soluzione è arrivata dopo una discussione durata più di un’ora e mezzo.
Il Senato accademico straordinario della Statale ieri ha dato il via libera al cambio dello Statuto. Secondo il regolamento dell’ateneo il rettore alla fine del suo secondo mandato non potrebbe essere rieletto. Naturalmente i colleghi milanesi lo vorrebbero alla guida della Crui fino alla fine del mandato (tra due anni). “Solo così si possono tutelare gli interessi della Statale e degli atenei davanti ai tagli” ha spiegato Decleva.
Ma naturalmente il rettore e il suo entourage erano a conoscenza della situazione già lo scorso anno, quando si presentò alle elezioni per dirigere la Crui. Già allora c’era chi, senza particolari doti di preveggenza, aveva parlato di un cambio di Statuto imminente per evitare le dimissioni solo dopo un anno.
E così è stato. Ora le modifiche devono essere inviate al Ministero e poi approvate in una votazione che dovrebbe tenersi a fine marzo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Marketing 2009: il tema è il WWF

Next Article

Sapienza, l'Onda contesta Fini

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".