Dalla CRUI ok alla riforma della carriera universitaria: “Ringiovanire il corpo docente”

Approvata all’unanimità la proposta di riordino della prima parte della carriera accademica (il cosiddetto pre-ruolo).

L’assemblea della CRUI ha approvato all’unanimità la proposta di riordino della prima parte della carriera accademica (il cosiddetto pre-ruolo). Ovvero quel percorso che dal conseguimento del dottorato di ricerca conduce all’entrata nel ruolo di professore universitario. Il testo, frutto di mesi di lavoro collettivo di tutti i rettori, intende fornire un supporto alla discussione sul tema in corso presso il Mur e le Camere.

Una proposta, spiega la CRUI, che vuole “ringiovanire il corpo docente, armonizzare il sistema di reclutamento italiano con gli standard europei e internazionali, rispondere al precariato attraendo i giovani di talenti, superare la dicotomia tra fra ricercatore di tipo A e ricercatore di tipo B e, grazie a una pianificazione di risorse, migliorare il rapporto studenti/docenti per raggiungere la media europea”.

Il documento della CRUI, rispondendo alle esigenze di riforma previste dal Next Generation Europe, “nasce dalla volontà di rendere sempre più attrattive le carriere di ricerca nel nostro paese, in un momento storico in cui abbiamo preso coscienza del valore della ricerca e dell’alta formazione per affrontare la complessità delle sfide di domani”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article
Francesco_Buccafurri

30 anni fa, il primo ingegnere informatico d'Italia

Next Article

Una lezione al museo come in un film: così a Bologna si educano i ragazzi alla bellezza

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".