Da oggi anche il Papa sbarca su twitter

Avanti un altro. Twitter ha un nuovo protagonista. Da oggi, 3 dicembre, anche il papa comincerà a comunicare tramite i 140 caratteri. La decisione arriva dopo una lunga serie di anticipazioni e smentite, a partire dallo scorso febbraio.

Poi, la notizia è stata confermata in maniera definitiva: è stato padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana ad annunciarne la partenza. Proprio questa mattina, in occasione del lancio, è stata convocata una conferenza stampa per spiegare tutti i dettagli del progetto.
Va precisato, però, che non sarà Benedetto XVI in persona a scrivere i messaggi, ma il suo staff. Ratzinger, infatti, scrive ancora i suoi libri a mano, e ha un rapporto più che conflittuale con il computer. Sarà comunque fondamentale l’approvazione del papa ad ogni singolo tweet.
Cresce l’attenzione e la curiosità anche per quanto riguarda il nome dell’account ufficiale: sono tanti, ad oggi, gli utenti che utilizzano il nome del papa per mandare tweet fasulli e ingannevoli. Qualcuno, tra le file del Vaticano, ha azzardato a un “@pontifex”, ma la scelta non è ancora definitiva e solo oggi sarà svelata.
Continua, dunque, la strategia della Santa Sede per avvicinarsi ai nuovi mezzi di comunicazione e mettersi in contatto con i fedeli. Tramite Twitter verranno diffusi i messaggi più importanti del vangelo, compresi le frasi più significative dell’Angelus domenicale. Resta da sperare solo che, tra lo staff di Benedetto XVI, non ci sia un altro “corvo”.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Madrid: anche i medici piangono

Next Article

Sun, Profumo alla Reggia di Caserta per inaugurare l'anno accademico

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".