Da domani in tutta Italia sciopero dei benzinai

Forti disagi per i cittadini a causa dello sciopero dei benzinai che inzierà dalle 19 di domani in città e dalle 22 sulla rete autostradale con il rischio di una corsa “al rialzo da parte di alcuni distributori scorretti, sempre pronti a far pagare a peso d`oro il poco carburante disponibile”.

Saranno differenti le modalita’ della protesta che dipenderà da se i gestori sono operativi su rete ordinaria o autostradale. Per la prima, la chiusura sara’ dalle 19 di domani alle 7 di venerdi’ 14 dicembre, mentre per la rete autostradale lo stop sara’ dalle 22 di domani alle 22 di giovedi’ 13 dicembre. Mercoledi’ 12 ci sara’ una manifestazione della categoria con presidio, dalle 10,30, davanti a Montecitorio.

Mentre la settimana prima di Natale e’ previsto il ‘No Rid Day‘. Protesta attraverso la quale ciascun gestore mandera’ ‘insoluto’ il pagamento di una fornitura di carburante , a titolo di parziale anticipo sull’adeguamento della propria remunerazione. Infine nella settimana che va dal 24 al 30 dicembre i gestori non accetteranno pagamenti con moneta elettronica (Carte di credito, pago bancomat, ecc).

Le associazioni dei consumatori, Adusbef e Federconsumatori esprimono in una nota la delusione per “la mancata volontà di intervenire da parte del governo, che non è riuscito a scongiurare lo sciopero dei distributori di benzina”.

“Una forma di protesta – è l’allarme dei consumatori – che sicuramente creerà forti disagi ai cittadini: non solo molti rischieranno di rimanere ‘a secco’, ma, come consueto, vi sarà la corsa al rialzo da parte di alcuni distributori scorretti, sempre pronti a far pagare a peso d`oro il poco carburante disponibile”. Pur condividendo le rivendicazioni dei distributori, che invocano da anni una riorganizzazione dell`intero settore e una modernizzazione della rete di distribuzione, “siamo convinti – scrivono – che era doveroso evitare lo sciopero, a maggior ragione in un momento delicato come quello che le famiglie e l`intero paese stanno attraversando”

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lesioni colpose: rischia il processo il rettore della Sapienza

Next Article

Scuola: i provvedimenti a rischio con la caduta del Governo

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"