Crisi, il picco dell’artigianato: si torna ai livelli di 13 anni fa

Ceramics Painter at the Arabia Factory

CRISI – Da gennaio a giugno il saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni di imprese artigiane e’ stato di 21.293 unita’, un dato addirittura peggiore di quello dell’intero 2012, che si era ”fermato” al gia’ drammatico -20.319.

Secondo le stime del Centro Studi Cna, il numero delle imprese iscritte al sistema camerale quest’anno e’ destinato a ridursi di quasi 27mila unita’, pari a -0,4%, riportando il sistema produttivo nazionale ai livelli del 2005. In un contesto decisamente negativo, pero’, la crisi continua a picchiare soprattutto l’artigianato, destinato a segnare un arretramento (-2,8%) ben peggiore e a calare ai livelli di 13 anni fa.

L’indagine evidenzia come siano le imprese artigiane ad aver sofferto in maniera piu’ forte dell’ondata recessiva degli ultimi anni: dal 2008 a oggi, a fronte di una diminuzione complessiva di imprese di 37mila unita’ (contenuta in un -0,6%), l’artigianato ha registrato un crollo verticale: -98mila aziende, pari a -6,5% dello stock.

Sul conseguente fronte occupazionale, ai 250mila posti di lavoro gia persi, se ne potrebbero aggiungere – secondo lo studio – altri 102mila quest’anno, se dovesse confermarsi l’attesa diminuzione del numero di imprese. A livello settoriale, la crisi ha colpito soprattutto manifattura e costruzioni e l’analisi rivela che la crisi del comparto produttivo italiano emerge soprattutto tra le imprese di piccole dimensioni.

La disaggregazione dei dati a livello territoriale mostra, infine che la tenuta dell’artigianato appare piu’ a rischio nelle regioni in cui queste imprese sono piu’ radicate. E’ la Liguria, sottolinea l’indagine del Centro Studi della Cna, la regione nella quale l’artigianato e’ maggiormente in difficolta’: il 58% delle imprese che hanno chiuso sono artigiane.

Fatta eccezione per la Sardegna, poi, l’incidenza delle chiusure di imprese artigiane sul totale e’ elevata oltre la media nelle regioni del Centro-Nord. Tra queste Marche, Toscana, Lombardia ed Emilia Romagna nelle quali le chiusure di imprese artigiane rappresentano oltre il 40% del totale nazionale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decreto del Fare, Link all'attacco: "Torneremo in piazza, già dall'11 ottobre"

Next Article

Studentessa violentata: aveva risposto a un annuncio di lavoro nel mondo dello spettacolo

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.