Covid19, studente di Medicina scopre il meccanismo genetico. Vaccino forse in commercio a gennaio 2021

Domenico Benvenuto della squadra di Massimo Ciccozzi, ha dato una svolta alle ricerche

Roma – Tutto è nato nei “wet market” cinesi (mercati all’aperto con animali macellati direttamente):  il virus sarebbe passato tramite il sangue e dopo la macellazione degli animali vivi sarebbe andato in circolo. La ricerca, messa a segno dal team dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, guidato da Massimo Ciccozzi, docente, ha ricostruito la mutazione genetica che ha permesso al nuovo coronavirus, che si è sviluppato in Cina, di infettare anche l’uomo.

Una ricerca preziosa, quella della squadra di Ciccozzi e in particolare opera dal più giovane dei suoi componenti, Domenico Benvenuto, studente del VI di Medicina e chirurgia e primo firmatario della ricerca che ha identificato la mutazione e contribuirà a comprendere in che modo si muove l’epidemia e a lavorare a un vaccino efficace.

A trasmetterlo è stato il pipistrello, senza altri ospiti intermedi:  «L’ipotesi che facciamo noi – sottolinea Ciccozzi all’Adnkronos – è che sia accaduto tutto nei wet market di Wuhan, i cosiddetti mercati umidi. Mercati dove si vendono animali vivi».

«In certi luoghi – osserva – non c’è la corrente elettrica, non ci sonofrigoriferi. Per questo gli animali devono essere venduti vivi. E poi vengono macellati. In questo modo le mani si imbrattano di sangue. Quindi, probabilmente questo virus – spiega – è passato all’uomo tramite il sangue e poi è andato in circolo. Ha riconosciuto le cellule con il recettore, come una serratura, è entrato e ha innescato l’epidemia: questa è l’ipotesi».

La catena è stata questa: dall’animale all’uomo attraverso le mani e poi la trasmissione è avvenuta per via respiratoria, umana, tramite fluidi, colpi di tosse, starnuti. Come una normale influenza. La mutazione del “salto di specie” si sarebbe verificata prima di Natale.

«Il coronavirus – afferma Ciccozzi – è un virus animale, fa parte del pipistrello. Sta nel pipistrello e anche in tanti altri animali. Il virus – spiega – prova a fare delle mutazioni, poi per caso fa una mutazione che gli permette di fare il salto di specie. Una mutazione che va a riconoscere i recettori particolari sulla cellula respiratoria». 

Non c’entrano nulla il Pangolino e il serpente”. E sulla mutazione del virus Ciccozzi avverte: «Questo virus muta in continuazione. Paragono il coronavirus alla Sars. Non possiamo paragonarlo a un virus influenzale. Il coronavirus fa una mutazione ogni mille basi nucleoditiche. Quello della Sars del 2002- 2003 ne faceva una ogni 10 mila. Quindi è molto veloce». 

Ma quando arriverà un vaccino? «Su questo – ricorda Ciccozzi all’Adnkronos – tutti rispondono in modo diverso. Anthony Fauci, che è un dei più grossi immunologi a livello mondiale, sta lavorando a un vaccino e ha detto che a fine aprile ci saranno i primi test sull’uomo. L’istituto di immunologia di Bethesda ha fatto un vaccino utilizzando informatica e biogenetica, non virus inattivati. Questa fase pre-clinica è stata molto veloce tanto che verso la fine di aprile inizieranno appunto le sperimentazioni sull’uomo, circa 20-25 volontari sani, per arrivare alla fase 4 che è la fase finale, quella della commercializzazione prevista per gennaio prossimo. In meno di un anno non si può fare un vaccino».

«La nostra preoccupazione – prosegue in sintesi Ciccozzi – è quella di fermare il prima possibile questa epidemia perché continua a mutare. L’epidemia va fermata in quanto la cosa fondamentale è evitare che le persone s’infettino. Evitiamo i casi di morte e quindi evitiamo che il virus faccia altre mutazioni».

Il nostro Paese è fra i primi per numero di contagi perché «noi abbiamo messo in piedi un sistema di sorveglianza per cercare i casi. E li abbiamo trovati. Siamo stati molto bravi. Li abbiamo trovati e abbiamo isolato i cluster epidemici», conclude. 

ilsecoloxix

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I bar ‘universitari’: "Situazione disastrosa"

Next Article

Università, ho fatto la prima lezione online. Senza studenti è triste, ma il finale è a sorpresa

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.