Cosa fare dopo la maturità? I passi della scelta

Il pericolo più grande dopo la maturità è quello di perdersi. Se avete deciso di andare all’Università o ne siete almeno incuriositi ecco una guida per facilitare il vostro processo di scelta, suggerendo i passi da compiere verso la costruzione del vostro futuro.
IL TUO PROGETTO – Siete in un’età in cui la formazione è al centro delle vostre attività e ricordatevi che non si cerca un lavoro, ci si forma per il lavoro. Risparmierete tempo, ed energia. Non esistono etichette esistenziali: “non sono portato per…” “ ho sempre detestato la matematica…” “ non ho capacità di fare amicizie”. Liberatevi dai retro pensieri, dalle linee guida dettate da parenti ed amici che pur nelle loro benevole intenzioni, tendono a plasmare le nostre aspirazioni. Il supporto, l’accompagnamento di persone con esperienza è importante nel vostro cammino, ma prima di tutto ascoltate voi stessi, liberandovi da condizionamenti interni ed esterni. Fate tesoro di tutte le conoscenze acquisite in anni di studio per elaborare il vostro progetto.
MOTIVAZIONE – La motivazione è il propulsore dei nostri pensieri e delle nostre azioni.
ASCOLTO – Ascoltare noi stessi e gli altri, con umiltà, senza pre-giudizi in un atteggiamento aperto e costruttivo.
OBIETTIVO – Ogni progetto è costellato di micro-obiettivi che ci permettono di giungere ai nostri obiettivi di medio e lungo termine. Al principio di un percorso l’individuazione degli obiettivi, costituirà il faro-guida.
LE DOMANDE DA PORSI
CHE COSA SO FARE In che cosa sono bravo? Nella scrittura, nell’organizzare le feste, nelle relazioni, nei numeri, nella gestione dei soldi, nel vivacizzare le discussione, nel creare eventi… QUALI SONO I MIEI VALORI In che cosa credo. Quali sono i valori che guidano i pensieri e le mie azioni
CHI VORREI DIVENTARE Se vi proiettate da qui a 10 anni, sarete un imprenditore, un impiegato, un libero professionista? Prima di decidere il corso di studi, sforzatevi di capire quale professione vorreste svolgere, piena libertà, consapevolezza ed autonomia di giudizio.
STUDIO COSA-DIVENTO CHI
Iscriversi ad una facoltà, ad un corso di laurea per un interesse sommario verso una materia, senza avere riflettuto sul mestiere che vorreste intraprendere, predispone ad un percorso articolato e faticoso nel raggiungimento di un appagamento lavorativo e personale. Se vi avvicinate alla scelta universitaria con un approccio vago e confuso: “Mi piace viaggiare, mi iscrivo a Lingue; sono bravo in italiano, mi segno a Lettere; vorrei essere utile agli altri, mi iscrivo a psicologia”, l’esito formativo-professionale, potrebbe essere deludente. “Studio cosa divento chi” costituisce la base progettuale del tuo percorso formativo-professionale. Individua la professione che ti interessa e poi in-formarti su come arrivare al tuo obiettivo.
 
 
 
 
La nostra redazione ha lavorato per offrire a voi studenti alle prese con l’Esame di Stato, una guida didattico-emotiva utile alle preparazione della grande prova. Grazie alle sezioni Università, Lavoro e Salute, son ben 80 le pagine di orientamento cui potranno attingere gli studenti italiani.
 
Scarica la versione completa della GUIDA ALLA MATURITA’2019 di CorriereUniv e resta connesso con noi per tutte le notizie sull’esame di stato 2019!
 
 
 
Di seguito alcuni approfondimenti:
Maturità 2019, prima prova: tracce e temi

FAQ Maturità 2019, i vostri dubbi epocali avranno finalmente risposta

Maturità, oltre le fake news cosa resta

Ecco la nuova maturità: seconda prova con più materie e tre buste per l’orale

La prima prova scritta dell’esame di Stato, cos’è e come svolgerla
Esami di Stato a.s. 2018/2019 cosa cambia
 
Facebook Corriereuniv    Maturità 2019 – L’Esame
Instagram CorriereUniv     ItaliaEducation 
Twitter @GuidaMaturità @corriereuniv

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, pubblicati i dati sugli alunni con Disturbi Specifici dell’Apprendimento

Next Article

Maturità 2019, le buste all'orale non conterranno domande ma spunti

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident