Coronavirus, Ministra Azzolina e Ministro austriaco Fassmann a confronto su didattica a distanza

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha incontrato oggi, in video chiamata, il Ministro dell’Educazione austriaco Heinz Fassmann. Nel corso del colloquio, sono state affrontate le misure messe in campo dai rispettivi Paesi per far fronte all’impatto dell’emergenza legata al virus Covid19, con un particolare riguardo alla didattica a distanza, strumento attivato dal Ministero dell’Istruzione italiano all’indomani della chiusura delle scuole.

La Ministra Azzolina ha tenuto a sottolineare lo stanziamento di 85 milioni di euro, inserito nel decreto cosiddetto “Cura Italia” varato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 16 marzo, finalizzati alla diffusione di dispositivi informatici e digitali in tutte le fasce di popolazione, in particolare quelle più svantaggiate. La Ministra ha ricordato inoltre come, per far fronte alle difficoltà di connessione sia stata attivata una campagna, “Solidarietà digitale”, grazie alla quale sono stati messi a disposizione giga illimitati per la navigazione in internet. L’obiettivo finale, ha chiarito la Ministra al suo omologo austriaco, è quello di non lasciare indietro nessuno e di trasformare questa emergenza in una opportunità per il futuro.

“Il Ministro Fassmann – ha sottolineato Azzolina – si è dimostrato molto interessato alla nostra didattica a distanza, alle sue caratteristiche, e ne ha voluto comprendere limiti e opportunità. Lo ringrazio molto di questo suo interesse. Il nostro è stato un confronto molto approfondito e fattivo, che ha seguito quello avviato alcuni giorni fa con tutti i Ministri dell’Istruzione dell’Unione Europea. Sono particolarmente contenta – ha concluso la Ministra – di questa collaborazione che abbiamo avviato in sede europea in un momento di emergenza planetaria che richiede sacrifici e cooperazione da parte di tutti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le Università di Milano Bicocca e Foggia esempio virtuoso per la didattica a distanza

Next Article

Didattica a distanza con l'assistenza delle scuole dei Movimenti di Avanguardie educative e delle Piccole Scuole

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.