Coronavirus, l'Università di Padova blocca le sue attività in Cina

Gli studenti devono attenersi alle direttive Oms. A Guangzhou un ufficio di rappresentanza, due laboratori a Shanghai
L’epidemia di polmonite causata dal nuovo coronavirus mette a rischio tutte le relazioni e gli scambi dell’Università di Padova con la Cina, dove il Bo ha numerosi accordi bilaterali attivi e dove recentemente ha aperto un proprio ufficio di rappresentanza (all’università di Guangzhou, Canton). Attualmente, per pura casualità, non ci sono docenti padovani in trasferta, ma sono quattro gli studenti in partenza a breve, ora bloccati a Padova.
mattinopadova

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, nasce a L’Aquila il primo corso di laurea in Protezione civile

Next Article

Coronavirus, la dottoressa Esposito dell'università di Parma: "No psicosi. Mortalità inferiore all'influenza"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".