Coronavirus, l'avviso di un prof dell'università di Firenze agli studenti rientrati dalla Cina: "Non presentatevi all'esame"

Un caso di quarantena fai da te nei confronti di studenti cinesi. Si sarebbe verificato nei giorni scorsi all’interno del Design Campus dell’Università di Firenze. La vicenda è stata segnalata questa mattina da un’ascoltatrice all’emittente radiofonica fiorentina Controradio.
“La settimana scorsa – scrive l’ascoltatrice – una professoressa del Design Campus di Calenzano, ha pubblicato un post dalla pagina Facebook del suo laboratorio Kide – Design for kids lab, in cui comunicava ai suoi studenti cinesi di non presentarsi all’esame. La cosa ha messo molto in difficoltà gli studenti cinesi, che adesso temono di non essere ricevuti dai tutti professori e si sentono discriminati”.
L’ascoltatrice, a conferma di quanto ha segnalato, ha inviato anche lo screenshot del post, in cui si legge: “L’esame è spostato al 18 febbraio per tutti gli studenti che sono rientrati in Italia dalla Cina dopo il 10 gennaio del 2020. Per questi studenti le revisioni riprenderanno il 12 febbraio. Sarà possibile sostenere l’esame anche dopo il 18 febbraio. E’ possibile far revisione via email. Sono pregati di non presentarsi in particolare gli studenti provenienti da Wuhan, Ehzou, Xianning, Huanggang”.
“Quel post è il frutto di un clima di tensione, precedente all’arrivo della circolare del ministero”, ha spiegato la prof che ha subito rimosso il post. “Gli esami si sono svolti regolarmente, anche per gli studenti cinesi”, ha aggiunto la docente.
firenze.repubblica

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università per i più piccoli arriva anche a Bertinoro: dall'ingegneria alla storia con Unijunior

Next Article

Scuola, si possono pagare le ore svolte per attività di collaborazione col Dirigente Scolastico

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".