Coronavirus, la Ferrari pronta a produrre ventilatori e respiratori a Maranello

L’obiettivo è di raddoppiare la produzione settimanale passando dagli attuali 150 ai 300 macchinari da dare alle strutture ospedaliere. Una idea che potrebbe diventare operativa nelle prossime ore, mettendo a disposizione lo stabilimento di Maranello, in accordo con la Magneti Marelli e la Siare, leader nella produzione di ventilatori e respiratori.

La tecnologia della Formula 1 a disposizione dell’emergenza nazionale. La pandemia da coronavirus sta mettendo in ginocchio le strutture sanitarie in tutto il Paese e la Ferrari, fiore all’occhiello del made in Italy nel mondo, ha deciso che potrebbe prossimamente iniziare a contribuire per fornire i macchinari sempre più necessari in terapia intensiva: ventilatori e respiratori.

Il piano Ferrari: utilizzare lo stabilimento di Maranello
Nello stabilimento di Maranello ci potrebbe dunque essere l’opportunità per dare una mano alla filiera della sanità nazionale. Un’idea che potrebbe trasformarsi in realtà nei prossimi giorni e che è attualmente allo studio di Ferrari e Fca, insieme con il produttore di componenti automobilistici Magneti Marelli. Tutti insieme sono alla ricerca di soluzioni e idee per aumentare la produzione nazionale degli apparecchi sanitari sempre meno disponibili in questi giorni di emergenza. Il tutto insieme alla  Siare Engineering International di Bologna, che è leader nel settore dei ventilatori e respiratori.

Obiettivo, raddoppiare la produzione settimanale
Davanti alla richiesta sempre più alta e una produzione che non riesce a stare al passo con le esigenze, la Ferrari ha così deciso di provare a fare l’impossibile, con un piano operativo che ha uno scopo preciso: riuscire a raddoppiare la produzione di apparecchi per la respirazione di Siare, passando da 150 a 300 respiratori da poter fornire alla settimana. Un impegno preciso preso dalla famiglia Agnelli che in questo momento di estrema difficoltà prova a ritornare ad essere un punto di riferimento della produttività italiana.

La donazione di 10 milioni alla Protezione Civile
Non sarebbe una decisione isolata, ma parte di un piano di aiuto che raccoglie altre iniziative votate all’appoggio alle strutture che operano direttamente sul territorio per fronteggiare l’emergenza da Coronavirus. Alcuni giorni fa, la famiglia Agnelli aveva infatti donato 10 milioni di euro alla Protezione Civile proprio per l’acquisto di altri macchinari sanitari.

fanpage

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, scoperto come collegare respiratore a più circuiti

Next Article

Scuola, il 24 marzo è la Giornata nazionale della promozione della lettura 2020

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.