Coronavirus, 29enne studente muore a Pisa. Università gli conferisce laurea

Christin Kamdem Tajduidje non ce l’ha fatta: è lui la vittima più giovane del coronavirus in Italia. Ventinove anni, di origine camerunense, doveva discutere la tesi il prossimo 6 aprile

La tesi da discutere il prossimo 6 aprile per una laurea, quella in Agraria all’Università di Pisa, che rincorreva da anni. Ma Christin Kamdem Tajduidje non ce l’ha fatta: è lui la vittima più giovane del coronavirus in Italia. Ventinove anni, di origine camerunense, era residente a San Giuliano Terme (in provincia di Pisa) e a quanto risulta al Fattoquotidiano.it non soffriva di patologie pregresse: era stato ricoverato all’ospedale di Cisanello per una polmonite interstiziale acuta ma, dopo un primo miglioramento, la situazione si è improvvisamente complicata nella notte tra domenica e lunedì. L’annuncio è stato dato dai propri compagni dell’Associazione degli studenti camerunensi di Pisa che lo hanno ricordato come un membro “molto attivo del gruppo: un fratello, un amico, un compagno”. “Queste cose si vivono veramente male – dice al Fattoquotidiano.it il sindaco di San Giuliano, Sergio De Maio – era troppo giovane, troppo. La nostra comunità è stata colpita da questa tragedia”. Il rettore dell’Università di Pisa Paolo Mancarella, dopo aver parlato con i docenti del dipartimento di Agraria, ha deciso di conferirgli lo stesso il titolo di laurea: “È una notizia dolorosa emblematica del dramma che stiamo vivendo in questi giorni” ha detto.

Il miglioramento e poi la complicazione fatale – Il giovane 29enne si era trasferito a ottobre dalla residenza universitaria di Praticelli nel piccolo comune a nord-ovest di Pisa e, raccontano gli amici, si sentiva “felice di essersi reso indipendente”. I rapporti con il medico di famiglia erano tenuti grazie alla mediazione del suo coinquilino. Nel frattempo stava concludendo la tesi in vista dell’appello del prossimo 6 aprile ma la polmonite aveva portato al suo ricovero e poi al tampone risultato positivo. Negli ultimi giorni, la sua situazione era talmente migliorata che i medici lo avevano staccato dal respiratore fino alla complicazione fatale di domenica notte. Tutte le persone e gli studenti che erano entrati in contatto con lui a inizio marzo nel frattempo sono stati messo in quarantena e nei prossimi giorni saranno sottoposti a tampone. I medici dell’ospedale di Cisanello che lo avevano preso in cura hanno disposto il riscontro diagnostico e a questo proposito il presidente dell’Asssociazione studentesca camerunense Stephen Kenfack chiede che si faccia chiarezza: “Vogliamo sapere com’è morto Christin” ha detto a La Nazione.

Il ricordo degli amici – Ieri gli amici di Christin lo hanno ricordato come un “membro molto attivo della comunità” e tesoriere dell’associazione: i compagni hanno anche raccontato la sua passione per la danza e per essere un ragazzo “di buon cuore”. A ricordarlo con affetto martedì è stata anche l’Azienda regionale per il Diritto allo Studio Universitario che in una nota ha parlato dell’assenza dello studente dalle mense universitarie: “Era un ragazzo generoso, studioso e volitivo che stava per terminare brillantemente il suo percorso universitario”.

fattoquotidiano

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bonus lavoratori per COVID: tutte le indennità e come richiederle

Next Article

L'università Federico II ai tempi del coronavirus: già 3200 esami e 270 lauree online

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".