Coriano, il museo dedicato al Sic

Un campione, un mito, una leggenda. Grazie Sic. Lo striscione campeggia sotto il freddo di Coriano. Si è conclusa ieri, sotto la neve, la manifestazione  “58 dicembre”, tenutasi nel piccolo centro romagnolo in onore di Marco Simoncelli, pilota di motociclismo scomparso a Sepang poco più di un anno fa. Nella piazza centrale, che per mesi ha ospitato fiori e cartelloni dedicati al giovane campione, è stato inaugurato un monumento che rappresenta un’onda di marmo bianco, costruito interamente dai “58 Boys”.

Oltre al monumento, Coriano ospiterà anche la mostra “La storia del Sic”, galleria tematica che comprende tutti i momenti più belli della carriera motociclistica del pilota romagnolo. All’interno vengono conservati più di 15 caschi e 12 tute da gara; nella sala centrale, tutta dipinta con i colori del Sic (il rosso ed il bianco ndr), troneggia la Gilera 250cc con cui Marco trionfò al mondiale 2008. Nella terza ed ultima sala vive la ricostruzione fedele del box originale, ricostruito grazie ai tecnici e collaboratori di Marco, del Team San Carlo Honda Gresini.

Commosso, ha partecipato alla manifestazione Paolo Simoncelli, padre del campione; “E’ stato un bel pensiero – ha detto -, il minimo che si potesse fare per un campione che ha dato tutto se stesso. Ringrazio i ragazzi di Coriano, il Comune, e tutti coloro che hanno contribuito. Noi siamo felici come famiglia. È il minimo che si potesse fare per lui, che ha dato tanto, ha dato sempre tutto: credo che Coriano glielo dovesse”.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Monti dimissionario. Voto a febbraio. Possibili dimissioni anche di Napolitano. Berlusconi: "Mi candido per salvare il Paese"

Next Article

In 150mila senza banda larga, ma cresce il commercio on line

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".