Cooperazione scientifica: online il bando 2016 per progetti congiunti di ricerca

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), d’intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) e il Ministero della Salute, ha pubblicato il bando annuale per la raccolta di domande di contributo per la realizzazione dei progetti congiunti di ricerca approvati nei protocolli esecutivi di cooperazione scientifica e tecnologica bilaterale.
La partecipazione al bando è riservata ai responsabili dei progetti di cosiddetta “grande rilevanza” inseriti nei succitati protocolli, che devono essere attivi per il 2016 (lista). Gli aventi diritto possono presentare la richiesta di contributo entro le ore 17:00 dell’11 febbraio 2016, esclusivamente attraverso la piattaforma on-line dedicata
Si ricorda che i progetti, valutati per i loro risultati e per la loro capacità di rafforzare i rapporti scientifici tra l’Italia e le controparti estere, devono prevedere una fonte di finanziamento propria, perché l’importo assegnato non potrà superare il 60% dei costi complessivi annui.
Nel corso dell’anno 2015 il MAECI ha finanziato 85 progetti, con uno stanziamento complessivo di circa 1,594 milioni di euro; il MIUR ha erogato finanziamenti per 123 mila euro su 4 progetti. Per il 2016 anche il MATTM e il Ministero della Salute contribuiranno all’esercizio, con l’obiettivo di rendere ancora più efficiente l’utilizzo delle risorse destinate alla cooperazione scientifica.
L’Unità per la Cooperazione scientifica e tecnologica della Direzione Generale per la promozione del Sistema Paese, responsabile della procedura per il MAECI, risponde ad eventuali richieste di chiarimento all’indirizzo e-mail [email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso scuola: 10 mila docenti in materie letterarie, 5 mila in Matematica e Fisica

Next Article

Scuola, iscrizioni online: 77 mila domande completate solo il primo giorno

Related Posts
Leggi di più

Anche gli USA promuovono la mascherina: boom di casi dove non è obbligatoria

Le scuole senza obbligo hanno oltre 3 volte più probabilità di subire un focolaio rispetto alle altre: il dato arriva da una ricerca effettuata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) degli Stati Uniti. Il sottosegretario Sileri: "Sulle quarantene aspettiamo il Cts".