Convegno sul sistema giudiziario italiano

clip_image002.gifLa prestigiosa sede di Villa Doria D’Angri dell’ Università degli studi di Napoli Parthenope ospiterà, venerdì 19 giugno, il convegno “Efficienza, Efficacia ed Economicità del Sistema Giudiziario Italiano: la prospettiva economico-aziendale” organizzato dalla facoltà di Giurisprudenza.
Obiettivo dell’iniziativa è far emergere le possibili linee d’intervento necessarie a ridurre i tempi della giustizia, migliorare la qualità dei servizi erogati e ridurne i costi, sostenendo in tal modo il processo di cambiamento posto in essere dal legislatore.
Dopo gli indirizzi di saluto del Rettore Gennaro Ferrara, del Sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo e di altri illustri rappresentanti delle istituzioni Giudiziarie e degli Ordini Forensi della Campania, introdurrà i lavori Federico Alvino, Preside della Facoltà di Giurisprudenza.
Sono previste due sessioni presiedute, rispettivamente, dal Prof. Luigi Moschera, ordinario di Organizzazione aziendale, e dalla Prof.ssa Maria Luisa Tufano ordinario di Diritto internazionale.
La prima sessione affronterà il tema dell’utilità nel Sistema Giudiziario dei principi, delle logiche e degli strumenti d’amministrazione e controllo di tipo manageriale; la seconda si focalizzerà, invece, sulle esperienze di successo e sulle innovazioni implementate per il recupero di efficienza nei Tribunali italiani.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iniziano oggi le votazioni per il rettore al Sannio

Next Article

G8 delle Scienze rimandato

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.