Concorsone, al via stamani le prove scritte

Schermata 2013-02-13 a 09.54.58

Stamani candidati in aula in tutta Italia per le prove scritte del concorso che mette a disposizione 11.542 posti di insegnante. Contrariamente al calendario inizialmente predisposto da viale Trastevere, i primi a cominciare non saranno coloro che puntano a insegnare nella scuola dell’infanzia o primaria. Le loro prove sono, infatti, slittate, a causa delle avverse condizioni meteo di inizio settimana, a dopo le elezioni, precisamente il 28 febbraio e il primo marzo.

Si comincia dunque, e si andra’ avanti fino al 21, con l’esclusione del week end, con gli ”scritti” per l’insegnamento nella secondaria di primo e secondo grado relative alle varie classi di concorso con sessioni al mattino e al pomeriggio. Quasi 95.000 complessivamente i candidati considerando che agli 88.610 che hanno superato la preselezione di dicembre se ne sono aggiunti nel frattempo circa 7.000 ammessi con riserva dai giudici in seguito a ricorsi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cronisti sportivi per la Rosea

Next Article

Università e imprese, dialogo in corso

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.