Concorso Insegnanti scuola Infanzia e Primaria 2019: cosa sapere

Il MIUR bandirà un concorso ordinario per reclutare Insegnanti da assumere nella scuola dell’Infanzia e Primaria entro il 2019. Il bando per Docenti sarà finalizzato alla copertura di posti comuni e di sostegno. Per partecipare alla procedura concorsuale non saranno richiesti titoli di servizio.
Il nuovo concorso scuola servirà al reclutamento di Docenti per la scuola dell’Infanzia e Primaria. In base a quanto previsto dalla bozza del decreto relativo al bando pubblico per lavorare nelle scuole, che uscirà nei prossimi mesi, presentata ai sindacati, le selezioni saranno espletate su base regionale. In prima applicazione riguarderanno solo le regioni in cui le graduatorie di merito del concorso espletato nel 2016 siano esaurite o insufficienti a soddisfare il fabbisogno degli istituti scolastici per il biennio successivo.
Per quanto riguarda il numero dei posti da coprire mediante il bando per Insegnanti 2019, nelle scorse settimane il Ministero dell’istruzione ha annunciato che il contingente è pari a 10.183 unità. Di queste 5.626 andranno a coprire i posti comuni, mentre 4.557 quelli di sostegno.
Potranno concorrere per le assunzioni previste dal prossimo bando MIUR i laureati in scienze della formazione primaria e i diplomati magistrali che hanno conseguito il diploma entro l’a.s. 2001 – 2002. Per diventare Insegnanti di sostegno è richiesta, inoltre, idonea specializzazione.
Il prossimo concorso Insegnanti per la scuola d’Infanzia e Primaria sarà bandito entro il 2019, dunque nei prossimi mesi. Metteremo a vostra disposizione qui il bando non appena disponibile. Continuate a seguirci per restare aggiornati sui concorsi per docenti e sulle opportunità di lavoro nella scuola.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, il voto finale non determinerà chi sarete

Next Article

Concorso “Conoscere i Trattati: per un’Europa diversa, più forte e più equa”

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.