Concorso Insegnanti scuola Infanzia e Primaria 2019: cosa sapere

Il MIUR bandirà un concorso ordinario per reclutare Insegnanti da assumere nella scuola dell’Infanzia e Primaria entro il 2019. Il bando per Docenti sarà finalizzato alla copertura di posti comuni e di sostegno. Per partecipare alla procedura concorsuale non saranno richiesti titoli di servizio.
Il nuovo concorso scuola servirà al reclutamento di Docenti per la scuola dell’Infanzia e Primaria. In base a quanto previsto dalla bozza del decreto relativo al bando pubblico per lavorare nelle scuole, che uscirà nei prossimi mesi, presentata ai sindacati, le selezioni saranno espletate su base regionale. In prima applicazione riguarderanno solo le regioni in cui le graduatorie di merito del concorso espletato nel 2016 siano esaurite o insufficienti a soddisfare il fabbisogno degli istituti scolastici per il biennio successivo.
Per quanto riguarda il numero dei posti da coprire mediante il bando per Insegnanti 2019, nelle scorse settimane il Ministero dell’istruzione ha annunciato che il contingente è pari a 10.183 unità. Di queste 5.626 andranno a coprire i posti comuni, mentre 4.557 quelli di sostegno.
Potranno concorrere per le assunzioni previste dal prossimo bando MIUR i laureati in scienze della formazione primaria e i diplomati magistrali che hanno conseguito il diploma entro l’a.s. 2001 – 2002. Per diventare Insegnanti di sostegno è richiesta, inoltre, idonea specializzazione.
Il prossimo concorso Insegnanti per la scuola d’Infanzia e Primaria sarà bandito entro il 2019, dunque nei prossimi mesi. Metteremo a vostra disposizione qui il bando non appena disponibile. Continuate a seguirci per restare aggiornati sui concorsi per docenti e sulle opportunità di lavoro nella scuola.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, il voto finale non determinerà chi sarete

Next Article

Concorso “Conoscere i Trattati: per un’Europa diversa, più forte e più equa”

Related Posts
Leggi di più

Un lavoro da 1.250 euro al mese? I neolaureati dicono no

I dati del 26esimo rapporto di Almalaurea fotografano un cambiamento di esigenze da parte di chi si affaccia, dopo l'università, sul mercato del lavoro: non si è più disposti ad accettare stipendi non ritenuti consoni al titolo di studio ottenuto.