Concorsi Esercito: Bando Volontari VFP1 e Allievi Tenenti

Volontari VFP1:
E’ al via il concorso 2018 per l’ammissione di 8000 volontari in ferma prefissata di un anno nell’Esercito Italiano. Il bando VFP1 è rivolto a giovani fino a 25 anni in possesso di licenza media.
La domanda di partecipazione deve essere inviata entro il 24 gennaio 2018.
Possono partecipare al bando Esercito 2018 per VFP1 i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
– cittadinanza italiana;
– godimento dei diritti civili e politici;
– età compresa tra i 18 e i 25 anni;
– assenza di condanne per delitti non colposi e di procedimenti penali in atto per delitti non colposi;
– non essere stati destituiti, dispensati o dichiarati decaduti dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione, o licenziati dallo stesso a seguito di procedimento disciplinare, o prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze armate o di Polizia, eccetto che per inidoneità psico fisica;
– possesso di licenza media (diploma di istruzione secondaria di primo grado, ex scuola media inferiore);
– non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
– aver tenuto condotta incensurabile;
– non aver tenuto comportamenti nei confronti delle istituzioni democratiche che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
– idoneità psico fisica;
– esito negativo agli accertamenti diagnostici per l’abuso di alcool o sostanze stupefacenti o psicotrope ad uso non terapeutico;
– non essere in servizio quali volontari nelle Forze Armate.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere attentamente il BANDO relativo al concorso, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie Speciale Concorsi ed Esami n. 2 del 5-1-2018.
Allievi Ufficiali:
Sono state aperte le iscrizioni anche al bando per l’ammissione di 24 Allievi al corso Allievi Ufficiali in Ferma Prefissata (A.U.F.P.) per il conseguimento della nomina a Tenente in Ferma Prefissata ausiliario del ruolo normale del Corpo degli Ingegneri, di Commissariato e Sanitario dell’Esercito Italiano.
Il concorso è per Laureati e per partecipare c’è tempo fino al 5 febbraio 2018.
Possono partecipare al bando dell’Esercito i candidati in possesso dei seguenti requisiti:
– età non superiore ai 34/35/40 anni, a seconda delle categorie specificate nel bando;
– cittadinanza italiana;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non essere stati destituiti, dispensati, dichiarati decaduti o licenziati dall’impiego presso una Pubblica Amministrzione, o prosciolti, d’autorità o d’ufficio, da precedente arruolamento nelle Forze Armate o di Polizia;
– non essere stati dichiarati obiettori di coscienza ovvero ammessi a prestare servizio sostitutivo civile, a meno di formale rinuncia a tale status;
– non essere stati condannati e non essere imputati in procedimenti penali per delitti non colposi;
– non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
– aver tenuto condotta incensurabile;
– non aver tenuto nei confronti delle istituzioni democratiche comportamenti che non diano sicuro affidamento di scrupolosa fedeltà alla Costituzione Repubblicana e alle ragioni di sicurezza dello Stato;
– laurea in uno degli ambiti disciplinari previsti per l’accesso alla selezione pubblica, in conformità con quanto dettagliatamente indicato nel bando, e di eventuale abilitazione, se richiesta, in conformità con quanto previsto dallo stesso.
Per maggiori informazioni vi invitiamo a scaricare e leggere attentamente il BANDO relativo al concorso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 8 gennaio

Next Article

Numero chiuso, riaperte le graduatorie degli anni 2015/2016. Grasso: "Va superato"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.