Con Alenia i giovani tornano a volare alto: 500 assunzioni in azienda

alenia

Dal Nord al Sud Italia, fino in America, negli Stati Uniti, in Israele, in Francia. Le realtà di prestigio in campo industriale non mancano nel nostro paese, e si sviluppano con forza anche all’estero. E’ il caso dell’Alenia Aermacchi, la società controllata da Finmeccanica, una delle maggiori realtà industriali italiane in campo aeronautico.

Ma è proprio vero che il sistema industriale è in crisi nel nostro paese? E come stanno le aziende? Lo abbiamo chiesto ai dirigenti del gruppo Alenia per capire dall’interno la situazione reale delle cose.

Senza ricerca non c’è sviluppo –  Alenia per la peculiarità del prodotto che sviluppa (progettazione, industrializzazione, produzione e commercializzazione di velivoli e componenti aeronautici), investe molto in ricerca e sviluppo, ci spiegano gli esperti del settore. Le innovazioni e le soluzioni all’avanguardia rappresentano un must per la forte competitività del settore, da qui la necessità di creare rapporti di collaborazione con il mondo della scuola e delle università, affinché oltre alle sperimentazioni finalizzate diventino serbatoi dai quali attingere giovani già preparati per un efficace inserimento.

Ma quali sono le realtà universitarie più interessanti? I Politecnici di Torino, Napoli e Bari (progetti PON ) sono attualmente impegnati su importanti temi di ricerca, le cui soluzioni saranno poi adottate sui velivoli di nuova generazione. Naturalmente anche nelle scuole secondarie, soprattutto agli istituti Tecnici e Industriali, attraverso lo strumento dei “Tirocini Formativi”, viene data la possibilità di effettuare per i giovani studenti percorsi formativi orientati ad avvicinare gli studenti al mondo del lavoro, offrendo loro l’opportunità di sviluppare esperienze integrative del percorso scolastico.

Ma come funziona il sistema delle assunzioni in una grande azienda? Le assunzioni in Alenia Aermacchi vengono normalmente effettuate attraverso il recruitig/scouting effettuato da società esterne specializzate, che effettuano uno screening delle candidature pervenute, sulla scorta di requisiti/ specifiche che la società rilascia, in funzione dei fabbisogni di risorse che necessitano nei vari stabilimenti, tenendo conto anche dei programmi/mission da realizzare.

Le forme contrattuali adottate dal rapporto di lavoro da instaurare con i giovani è di norma il “Contratto di apprendistato professionalizzante”, confermato con opportune modifiche dalla riforma Fornero ( lg.92/2012 ), attraverso il quale il datore di lavoro (la società) si obbliga in cambio della prestazione lavorativa a corrispondere all’apprendista non solo la retribuzione, ma anche ad impartire (o fare impartire), la formazione necessaria. I destinatari sono giovani di età compresa tra i 18 e 29 anni. La durata e’ minimo 6 mesi fino a 3 anni, e vengono seguiti per tutto il periodo da un Tutor/referente aziendale. Alla scadenza del periodo, c’e’ l’obbligo della conferma per il 75% dei giovani.

La società sta portando avanti un piano di inserimenti dell’ordine di 500 unità, già iniziato quest’anno in Piemonte e Puglia, e anche in Campania a partire dal prossimo anno, derivante da un accordo sottoscritto anche con le OOSS nel novembre del 2011 a fronte di un processo di prepensionamenti che ha interessato più di mille dipendenti per un cambio mix generazionale che dovrà avere opportune ricadute in termini di know how, per realizzare la fase del rilancio, dopo aver superato in maniera “indolore”le fasi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale degli ultimi anni. Sono previste altre assunzioni, quindi? Il portafoglio ordini e commesse di lavoro è particolarmente interessante, perché da parte degli esperti, si prevedono molte vendite nel settore civile, in quanto le compagnie aeree dovranno ringiovanire il parco aerei diventato ormai obsoleto.

Nel panorama industriale del Paese, l’Alenia Aermacchi, societa’ di Finmeccanica (30% Golden share del Ministero del Tesoro), rappresenta senza dubbio una realtà in forte crescita, punto di riferimento per i giovani che vogliono aprirsi ad esperienze internazionali e lavorare in un settore di eccellenza per l’automazione degli impianti e dei processi di lavorazione su un prodotto a forte attrazione come quello degli aerei civili e militari. Come a dire, i giovani potranno guardare in alto. Perché le possibilità ci sono.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Studenti e laureati: opportunità di stage retribuiti alla NATO

Next Article

L'innovazione comincia a scuola: corso di stampante 3d tra le materie di un liceo bolognese

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.