“Complimentisti Anonimi” sbarcano su Facebook

Come usare i social network in maniera positiva: l’intuizione di un gruppo di studenti canadesi che offre la possibilità di aiutarsi a vicenda con complimenti e incoraggiamenti tra compagni, ribaltando il fenomeno del gossip “malevolo” e anonimo nei campus.
A chi non fa piacere ricevere complimenti? È quello che hanno pensato quattro studenti della Queen’s University di Kingston Canada, che hanno aperto un profilo su Facebook con lo scopo di aiutare gli studenti a ricevere un po’ di belle parole e incoraggiamenti.
Un fenomeno partito in sordina ma diventato ben presto “virale”, tanto da espandersi in numerosi altri college tra il Canada e gli Stati Uniti e da attirare l’attenzione di Time Magazine e di Mashable, il sito social network più popolare del mondo.
Rachel Albi, Erica Gagne, Jessica Jonker e Amanda Smurthwaite hanno lanciato il profilo il 12 settembre e in poco tempo il numero degli amici è balzato a 4mila, con circa 1300 complimenti pubblicati e 35000 likes. «L’equivalente umano di un raggio di sole», «l’ispirazione per “Respect” di Aretha Franklin», «La regina dell’università» sono solo alcuni dei complimenti pubblicati su  “Queen’s U Compliments”.
Negli ultimi anni la Queen’s University è stata sconvolta dalla morte di alcuni studenti del campus e numerosi fenomeni di bullismo. Le quattro fondatrici hanno voluto creare un’atmosfera più positiva e creare un’alternativa ai siti di gossip nati all’interno dei college in cui gli utenti pubblicano anonimamente commenti e notizie piccanti sui membri della comunità universitaria.
In attesa che il profilo raggiunga la fatidica soglia dei 5mila amici, le fondatrici pensano a come portare avanti il loro progetto.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quando il calcio riscatta le città protagoniste di violenza

Next Article

Save the children: "i bimbi nascono indebitati e tra i giovani aumenta la dispersione"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"