Compito copiato. Ad Hardvard in 125 a rischio sospensione

Un compito a casa copiato fa scoppiare uno scandalo ad Harvard che reagisce con fermezza e mette in chiaro quanto l’etica sia importante in uno dei più prestigiosi atenei al mondo. L’università sta indagando sul caso di 125 studenti che hanno consegnato risposte troppo simili in un test da compilare a casa.

Un compito a casa copiato fa scoppiare uno scandalo ad Harvard che reagisce con fermezza e mette in chiaro quanto l’etica sia importante in uno dei più prestigiosi atenei al mondo. L’università sta indagando sul caso di 125 studenti che hanno consegnato risposte troppo simili in un test da compilare a casa.

L’accusa non è che abbiano copiato da fonti esterne ma che si siano passati informazioni e ne abbiano discusso collaborando fra di loro, attività del tutto proibite nel caso di quel test. Ora i ragazzi rischiano fino ad un anno di sospensione.

Nell’ateneo è scoppiato un polverone e gli studenti stanno passando ore di grossa concitazione come spiega Ben Samuels redattore del giornale dell’università, l’Harvard Crimson.”Io penso che a questo punto ci sia più confusione che altro – dice – gli studenti con cui abbiamo parlato noi per la maggior parte stanno ancora cercando di capire chi è accusato e di che cosa“. L’inchiesta è ancora in corso e l’università ha comunque fatto sapere che non rivelerà i nomi degli studenti accusati.

fonte: TMNews

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università. I test costano fino a 120 euro

Next Article

Profumo di concorsi. Il ministro parla dei quiz errati

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36