commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio. Fedeli: violenza sulle donne non sia fatto privato

Istituita una commissione d’inchiesta al Senato sul femminicidio. La ministra Fedeli soddisfatta per la sua costituzione

“Sono davvero soddisfatta del voto favorevole dell’Aula all’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere. Una proposta di cui sono stata prima firmataria e che ha ricevuto l’appoggio di tutte le forze politiche”.
Così la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, commenta il voto con il quale oggi l’Aula del Senato ha dato il via all’istituzione della Commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio, nonché su ogni forma di violenza di genere.
“La violenza sulle donne non può più essere considerata un fenomeno privato, è un tema che riguarda tutte e tutti e ognuno di noi, nel ruolo che ricopre, ha la responsabilità di agire – prosegue la Ministra – In questo il monitoraggio e l’analisi sono fondamentali per rispondere concretamente a quella che è a tutti gli effetti una violazione dei diritti umani. Con l’istituzione della Commissione parlamentare facciamo un grande passo in avanti – ribadisce Fedeli -. La Commissione, tra le altre cose, si occuperà di accertare lo stato di attuazione della Convenzione di Istanbul contro la violenza di genere e l’efficacia delle nostre leggi per rispondere a questa barbarie. Da Ministra – conclude – continuerò a impegnarmi a fondo per costruire insieme una società libera da violenza e stereotipi, una società migliore per tutte e per tutti”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 19 gennaio

Next Article

Alvise De Vidi: un incontro straordinario

Related Posts
Leggi di più

Muore in un incidente prima della discussione della tesi ma l’università precisa: “Non era in programma nessuna laurea”

Giallo sulla morte di Riccardo Faggin, studente di 26 anni iscritto alla facoltà di Scienze infermieristiche dell'Università di Padova. Si è schiantato contro un albero a pochi metri da casa dove era tutto pronto per festeggiare la sua laurea. Ma l'ateneo ha precisato che il suo nome non era nell'elenco dei laureandi.