Comincia il Tour di Renzi nelle scuola: ecco la risposta degli studenti

renzi a scuola

Come annunciato durante il suo discorso al Senato, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi inizierà il suo mandato visitando diverse scuole del Paese, a partire,oggi, da Treviso. L’UdU e la Rete degli studenti scrivono una lettera aperta al Presidente del Consiglio e al Ministro dell’Istruzione per fissare le 8 emergenze fondamentali dell’istruzione pubblica vista dagli studenti e le loro proposte per risollevare da subito un sistema ormai vicino alla distruzione.

“L’istruzione nel nostro Paese è da anni oggetto di tagli e riforme devastanti, e non ha più occasioni da perdere: se si vuole risollevarne le sorti, bisogna intervenire con misure concrete, senza spot e promesse – dichiara Gianluca Scuccimarra, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari. Troppo spesso si è intervenuti sull’istruzione senza ascoltare gli studenti, e finendo sempre per aggravare le condizioni di un sistema ormai in ginocchio”.

“Sia il discorso al Senato, che la sua visita nelle scuole, possono essere segnali di attenzione al tema dell’istruzione; ma la scuola non è una vetrina: se c’è la volontà reale di occuparsi di alcune priorità, si confronti anzitutto con chi la Scuola la vive tutti i giorni, cioè con noi studenti, e ascolti le nostre proposte” – continua Daniele Lanni, Portavoce Nazionale della Rete degli Studenti Medi.

“Per questo, come Unione degli Universitari e Rete degli Studenti Medi, abbiamo inviato una lettera al Presidente Renzi, e al Ministro Giannini, contenente le nostre otto proposte per Scuola e Università – conclude Succimarra; otto punti prioritari, su cui il Governo dovrebbe investire, se vuole davvero che l’istruzione torni ad essere una risorsa per tutto il Paese”.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Abuso di alcool e troppi caffè nelle abitudini degli studenti

Next Article

Le idee di ItaliaCamp, debutto a Wall Street

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.