Come diventare giovani funzionari internazionali: l’opportunità del programma JPO

I requisiti: avere massimo 30anni, ottima conoscenza della lingua inglese, laurea magistrale o un master

Il Programma Giovani Funzionari delle Organizzazioni Internazionali, noto anche come Programma JPO, è un’iniziativa finanziata dal Governo Italiano attraverso la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e curata dal Dipartimento degli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (UN/DESA).

Cosa prevede il programma

Il Programma permette a giovani qualificati di nazionalità italiana e di alcuni paesi in via di sviluppo di avere un’esperienza formativa e professionale nelle organizzazioni internazionali per un periodo di due anni, con la possibilità di un’eventuale estensione di un anno.

Lo scopo del Programma è duplice. Da una parte favorisce le attività di cooperazione delle organizzazioni internazionali associando giovani talenti ad iniziative di sviluppo, dall’altra consente a giovani professionisti interessati alle carriere internazionali di compiere esperienze rilevanti che nel futuro ne potrebbero favorire il reclutamento da parte delle organizzazioni stesse o in ambito internazionale.

I requisiti necessari per l’ammissione all’edizione 2022/2023 del Programma JPO sono:

  • Essere nati il o dopo il 1° gennaio 1992 (1° gennaio 1991 per i laureati in medicina; 1° gennaio 1989 per i laureati in medicina che abbiano conseguito un diploma di specializzazione in area sanitaria)
  • Possedere la nazionalità italiana
  • Avere un’ottima conoscenza della lingua inglese e italiana
  • Avere ottenuto uno dei seguenti titoli accademici prima della scadenza per la presentazione delle candidature:
    • laurea specialistica/magistrale
    • laurea magistrale a ciclo unico
    • laurea/laurea triennale accompagnata da un titolo di Master universitario
    • Bachelor’s degree accompagnato da un titolo di Master universitario.

Nell’ambito dell’edizione 2022/2023 del Programma JPO si prevede l’assegnazione di un numero limitato di posizioni a candidati provenienti da alcuni paesi in via di sviluppo (“Least Developed Countries” e paesi prioritari per la cooperazione allo sviluppo italiana). La lista di tali paesi è disponibile sul sito www.undesa.it.

Ammissione

I candidati provenienti da paesi in via di sviluppo dovranno soddisfare i seguenti requisiti per l’ammissione al Programma:

  • Essere nati il o dopo il 1° gennaio 1992 (1° gennaio 1991 per i laureati in medicina; 1° gennaio 1989 per i laureati in medicina che abbiano conseguito un diploma di specializzazione in aerea sanitaria)
  • Avere un’ottima conoscenza della lingua inglese
  • Avere ottenuto uno dei seguenti titoli accademici prima della scadenza per la presentazione delle candidature:
  • Laurea specialistica/magistrale
    • laurea magistrale a ciclo unico
    • laurea/laurea triennale accompagnata da un titolo di Master universitario
    • Bachelor’s degree accompagnato da un titolo di Master universitario.

Data la natura altamente competitiva del Programma JPO e le competenze richieste dalle organizzazioni internazionali, le seguenti qualificazioni aggiuntive sono considerate elementi importanti in fase di valutazione:

  • Conoscenza di altre lingue ufficiali delle Nazioni Unite o lingue parlate nei paesi in via di sviluppo.
  • Possesso di ulteriori titoli accademici e/o corsi di formazione rilevanti.
  • Aver maturato una solida esperienza professionale.
  • Possesso di alcune competenze quali, per esempio, attitudine al lavoro di squadra, alla comunicazione, al client orientation, all’organizzazione e alla pianificazione.

I candidati dovranno essere motivati e disposti ad adattarsi a diversi ambienti di lavoro. Inoltre, dovranno dimostrare dedizione nei confronti dei valori fondamentali delle Nazioni Unite, cioè integrità, professionalità e rispetto della diversità.

Opportunità

Le ampie e variegate opportunità professionali offerte dal Programma Italiano JPO riguardano un’ampia gamma di settori lavorativi, dai quali non sono esclusi gli ambiti scientifici. Pertanto, oltre alle candidature di profili affini alle scienze sociali e umanistiche, sono anche incoraggiate le domande di candidati con competenze in scienze naturali e applicate – quali, a titolo meramente esemplificativo, fisica (inclusa fisica nucleare), chimica, ingegneria (incluse aerospaziale, informatica e nucleare) e architettura, medicina (anche nei settori della sanità pubblica), psicologia e biologia.

Per informazioni dettagliate e suggerimenti sulla preparazione della candidatura verranno organizzati alcuni webinar nelle date sottoelencate. Per partecipare è necessaria la registrazione sul sito www.undesa.it

  • 28 ottobre 2022 ore 10:30 (ora italiana)
  • 03 novembre 2022 ore 17:00 (ora italiana)
  • 11 novembre 2022 ore 10:30 (ora italiana)
  • 22 novembre 2022 ore 17:00 (ora italiana)
  • 01 dicembre 2022 ore 10:30 (ora italiana)
  • 09 dicembre 2022 ore 17:00 (ora italiana)

La scadenza per l’invio online delle candidature all’edizione 2022/2023 del Programma JPO italiano è il 15 dicembre 2022 alle ore 15:00 (ora italiana). Sulla pagina web How to Apply tutte le informazioni prima di iniziare la compilazione del formulario elettronico relativo al Programma JPO 2022/2023.

Le domande di partecipazione dovranno essere inviate online attraverso il sistema di “Online Web Application(OWA) dell’ufficio UN/DESA di Roma raggiungibile dal sito www.undesa.it. Non verranno accettate domande pervenute attraverso altri canali. Gli organizzatori ricordano come “a causa dell’elevato numero di candidature previste verranno contattati esclusivamente i candidati preselezionati per le interviste”. Per ulteriori informazioni si invita a consultare www.undesa.it o a scrivere a [email protected]

Leggi anche:

Total
4
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bevono vodka durante la ricreazione e pubblicano il video sui social: sospesi 12 studenti

Next Article

Scontri alla Sapienza durante il convegno sul capitalismo organizzato da Azione Universitaria

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".